Giampiero Artegiani, è morto l’autore di “Perdere l’amore”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 febbraio 2019 8:42 | Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2019 8:43
Giampiero Artegiani, è morto l'autore di "Perdere l'amore"

Giampiero Artegiani, è morto l’autore di “Perdere l’amore”

ROMA – Alla vigilia della sessantanovesima edizione di Sanremo è morto il cantante Giampiero Artegiani che, come autore, vinse il Festival nel 1988 con la canzone “Perdere l’amore”. Canzone che al Festival fu cantata da Massimo Ranieri.

Nato a Roma nel 1955, Artegiani, iniziò come tastierista e chitarrista con la band prog rock dei Semiramis, con alla voce Michele Zarrillo, che incise un solo lp, “Dedicato a Frazz”. 

Nel 1983 a “Un disco per l’estate” portò la canzone “Il sogno di un buffone”. L’anno successivo si presentò a Sanremo con “Acqua alta in piazza San Marco”. Nel 1985, sempre a Sanremo, arrivò terzo con il brano “… E le rondini sfioravano il grano”. Da quel momento in poi Artegiani decise di dedicarsi solo alla produzione e ai testi delle canzoni. Negli anni ha composto pezzi per Franco Califano (“La mia libertà”, “Ragazzo mio”, “Non so vivere a metà”), Michele Zarrillo (“Soltanto amici”, “L’ultimo film insieme”, “La prima cosa che farò”, “Mani nelle mani”), Silvia Salemi (“A casa di Luca”) e Maria Carta (“Le memorie della musica”).

Nel 1988 poi la sua canzone “Perdere l’amore” cantata da Massimo Ranieri vinse il Festival. Ecco il video dell’esibizione di Massimo Ranieri: