Luis Bacalov è morto: addio al compositore Premio Oscar del Postino

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 novembre 2017 20:08 | Ultimo aggiornamento: 15 novembre 2017 20:12
Luis-Bacalov-morto

Luis Bacalov è morto: addio al compositore Premio Oscar del Postino

ROMA – Addio al maestro Luis Bacalov, il compositore premio Oscar nel 1996 per la colonna sonora del film Il Postino. Pianista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra, Bacalov si è spento oggi mercoledì 15 novembre all’ospedale San Filippo Neri di Roma, dov’era stato ricoverato una decina di giorni fa a seguito di un’ischemia. Aveva 84 anni.

Nato a San Martín, in Argentina, il 30 agosto 1933, da una famiglia ebraica di origini bulgare, fu bambino prodigio del pianoforte e si trasferì ventenne in Colombia, poi in Europa, scegliendo per un po’ la Spagna, per poi scappare dal franchismo. Si trasferì a Parigi e quindi in Italia, dove trovò lavoro prima alla Fonit Cetra, poi alla storica Rca. Iniziò ad essere richiesto come arrangiatore, accompagnando in concerto Claudio Villa e Milva, quindi il definitivo approdo a Milano.

Bacalov vanta una carriera “cinematografica” incredibile: ha firmato le musiche di La città delle donne di Federico Fellini, A ciascuno il suo di Elio Petri,  Una storia d’amore di Damiano Damiani e molti spaghetti-western, tra cui Django di Sergio Corbucci. Quentin Tarantino ha riutilizzato in Kill Bill la sua melodia portante di Il grande duello e poi altre sue partiture in Django unchained.

Formò un sodalizio compositivo con Sergio Endrigo che durò vent’anni. Nel 2003 la corte di appello civile di Roma condannò il compositore per aver copiato il tema de Il postino da Nelle mie notti di Endrigo. La vicenda si concluse con una conciliazione economica.