Madonna a Torino, controllati biglietti comprati all’estero

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2015 10:50 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2015 10:52
Madonna a Torino, controllati biglietti comprati all'estero

Madonna a Torino, controllati biglietti comprati all’estero (Foto LaPresse)

TORINO – La popstar Madonna arriva a Torino per i concerti del 19, 20 e 21 novembre e scattano i controlli di sicurezza. A finire nel mirino dei controlli soprattutto i biglietti acquistati all’estero, anche dal Sudafrica e dall’Afghanistan. Dopo gli attentati a Parigi e la strage al concerto degli Eagles of Death Metal al Bataclan. Nelle tre serate al PalaAlpitour nella sala saranno presenti anche agenti in borghesi e cani antiesplosivo tra i 33mila fan che arriveranno per ascoltare il concerto.

Federico Genta su La Stampa scrive che o tre concerti saranno blindati e quindi anche se la serata inizierà alle 21, il consiglio è quello di recarsi al palazzetto non più tardi delle 17,20:

“Nel frattempo, ed è questa l’attività che non ha precedenti in Italia, è iniziato il controllo di tutti e 33 mila i biglietti venduti. E l’attenzione delle agenzie e della Questura si è subito concentrata sui 1200 spettatori in arrivo dall’estero e che hanno comprato i voucher fuori dal tradizionale circuito TicketOne. Oltre ai fan in arrivo da Francia e Belgio, sono stati confermati acquisti anche dal Sudafrica, da Tonga. dall’Arabia Saudita e dall’Afghanistan. Nome per nome, vengono analizzati tutti i profili per scongiurare la presenza di possibili infiltrati.

Poliziotti e carabinieri in borghese saranno mescolati tra i fan, attorno al palco, durante tutte le fasi di ogni evento. Ma è fuori dal palazzetto che si concentrerà l’attività preventiva. Dopo gli attentati di Parigi, i dispositivi antiterrorismo, disposti anche a Torino dopo la convocazione, lunedì, del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, hanno di fatto stabilito di replicare le stesse precauzioni già adottate la scorsa primavera per l’Ostensione della Sindone. Gli effetti pratici? Attorno al PalaAlpitour, in un raggio di poco più di cento metri, le forze dell’ordine e gli steward filtreranno gli spettatori attraverso tre fasce di controllo”.

Dopo gli attentati di Parigi l’allerta per la sicurezza è massima e alcune regole sono da seguire per evitare il sequestro preventivo di zaini e borse:

“Come in un qualsiasi aeroporto, sarà proibito portare con sé oggetti affilati, anche le classiche forbici, e ogni sorta di bottiglia. Saranno presenti i cani antiesplosivo e pattuglie a cavallo nei giardini che circondano l’area alle spalle dello stadio Olimpico. Quindi saranno possibili perquisizioni prima di poter raggiungere gli spalti. La serata più critica sarà la prima: per l’esordio dei nuovi sistemi di controllo e per le ultime prove di Madonna, a ridosso del concerto”.