Marilyn Manson, parla l’ex moglie Dita Von Teese dopo le accuse di Evan Rachel Wood: “Con me niente abusi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 Febbraio 2021 16:38 | Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio 2021 16:38
Marilyn Manson, parla l'ex moglie Dita Von Teese dopo le accuse di abusi di Evan Rachel Wood

Marilyn Manson, parla l’ex moglie Dita Von Teese dopo le accuse di abusi di Evan Rachel Wood (Foto Ansa)

Marilyn Manson: dopo le accuse di Evan Rachel Wood, rompe il silenzio anche l’ex moglie del cantante, Dita Von Teese. 

Manson, all’anagrafe Brian Warner, è stato accusato dalla ex compagna di “orribili abusi” durante la loro relazione. Evan Rachel Wood ha sostenuto di essere stata adescata dal cantante ancora adolescente e di essere stata manipolata e sottomessa a Manson per anni. 

La modella, imprenditrice e vedette Dita Von Teese, che con Manson è stata sposata, è intervenuta però dal proprio account Instagram per precisare che la sua “esperienza personale” di vita coniugale è stata diversa, altrimenti non avrebbe mai accettato di sposarlo. 

Dita Von Teese e Marilyn Manson

Von Teese e Manson si sono sposati a dicembre del 2005, dopo circa sei anni di relazione. Ma a dicembre del 2006 il loro matrimonio era già naufragato.

La loro relazione è quindi antecedente a quella con Evan Rachel Wood, che Manson ha incontrato nel 2007: lui aveva 38 anni, lei 19.

Su Instagram Dita Von Teese premette: “Mi sono presa il tempo di elaborare le notizie emerse lunedì riguardo Marilyn Manson. Esprimo la mia gratitudine alle persone che si sono preoccupate per me”.

Dita Von Teese difende Marilyn Manson

Quindi sembra prendere le difese dell’ex marito: “Sappiate che i dettagli resi pubblici non trovano corrispondenza con la mia personale esperienza durante i sette anni nei quali siamo stati insieme. Se così fosse stato, non l’avrei sposato nel dicembre del 2005. Ho deciso di lasciarlo dodici mesi più tardi a causa della sua infedeltà e tossicodipendenza”.

Quindi ha concluso precisando: “Abusi di ogni tipo non devono mai esistere, all’interno di una coppia, e sollecito coloro che li hanno subiti a intraprendere la strada della guarigione e a trovare la forza di realizzarsi pienamente. Questa sarà la mia unica dichiarazione in merito. Vi ringrazio se vorrete rispettare questa mia richiesta”.