E’ morto Mitch Miller pionere del karaoke e produttore che rifiutò Elvis Presley

Pubblicato il 3 agosto 2010 22:14 | Ultimo aggiornamento: 3 agosto 2010 22:14

Mitch Miller

E’ morto Mitch Miller uno dei pionieri del karaoke. Direttore d’orchestra e produttore americano Miller è deceduto all’ospedale di New York all’età di 99 anni per cause, si legge in un comunicato, non divulgabili. Nella sua carriera di produttore Miller ha lanciato le carriere di cantanti del calibro di  Tony Bennett, Rosemary Clooney, Johnny Mathis e Patti Page, mentre come direttore d’orchestra  e oboista l’artista newyorkese divenne una star  negli anni 1950 e 1960 con decine di album che vendettero milioni di copie.

Ma la fortuna di Mitch Miller è legata al popolare show televisivo del 1960 dal titolo “Cantare insieme a Mitch” che gli consegnò lo scettro di inventore del karaoke.

Tra il 1940 e il 1960 Miller fu il volto di grandi case disografiche come la Mercury e  Columbia spingendo nel panorama musicale diviso tra la seconda guerra mondiale e l’invasione dei Beatles lo stile popolare. Dichiaratamente ostile al rock-and-roll, fu suo il no definitivo per un contratto alla Columbia per Elvis Presley e Buddy Holly, il pioniere del karaoke preferiva il vecchio pop basato sul jazz e classici.

La musica mondiale deve a lui brani intramontabili cantanti da artisti indimenticabili come “Tennessee Waltz”, Frankie Laine con “Mule Train”, Doris Day’s con “Secret Love” e Johnnie Ray con “Cry. “