Nanni Svampa è morto: fondatore dei Gufi, alfiere della musica popolare lombarda

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 agosto 2017 9:23 | Ultimo aggiornamento: 27 agosto 2017 9:23
Nanni Svampa è morto: fondatore dei Gufi, alfiere della musica popolare lombarda

Nanni Svampa è morto: fondatore dei Gufi, alfiere della musica popolare lombarda

VARESE – E’ morto a 79 anni Nanni Svampa, cantante milanese, celebre fondatore dei Gufi, gruppo che portava sul palco la canzone popolare lombarda assieme alla comicità e alla satira politica e sociale. La notizia della morte del musicista è stata pubblicata da La Prealpina e da alcuni siti online. Svampa, che ha portato in Italia traducendole anche le canzoni del cantautore francese Georges Brassens, è morto a Varese.

Svampa, nato nel 1938 nel quartiere popolare di Porta Venezia a Milano, è stato, come si legge anche sul suo sito ufficiale, “mitico rappresentante del cabaret musicale milanese e della canzone d’autore” e “cultore e interprete della tradizione lombarda con particolare riguardo alla canzone popolare”. E poi “traduttore e interprete in lingua milanese dell’opera di Georges Brassens (il più grande poeta e umorista della canzone nel XX secolo)”. E ancora “attore teatrale e cinematografico”, tanto da aver recitato in film di registi come Elio Petri e Gabriele Salvatores. Infine, anche autore di testi “teatrali, televisivi e radiofonici, regista di spettacoli musicali e di cabaret”. Laureato in Economia alla Bocconi, Svampa fondò i Gufi nel 1964 assieme a Roberto Brivio, Gianni Magni e Lino Patruno e la band suonò fino al ’69 mischiando musica, dialetto milanese, cabaret e satira sociale. Del ’64 anche l’album ‘Nanni Svampa canta Brassens’ e del ’70 i celebri dischi della ‘Antologia della canzone lombarda’.

Luigi Bolognini aggiunge su Repubblica Milano:

Milanese di quelli veri, nati nel quartiere popolare di Porta Venezia, Svampa da bambino fu sfollato di guerra a Porto Valtravaglia, sul Lago Maggiore. Il ritorno a Milano per studiare e laurearsi in Economia alla Bocconi. Ma premeva altro, premeva la musica, e così Io vado in banca sarà solo una delle prime canzoni dei Gufi, la band messa assieme con Roberto Brivio, Gianni Magni e Lino Patruno: vestiti di nero come i cantanti esistenzialisti francesi, repertorio popolare italiano mescolato a humour macabro, musica politica, satira sociale e invenzioni umoristiche geniali, i quattro fecero colpo anche in televisione. Ma i Gufi durarono solo cinque anni, dal 1964 al 1969. Prima e dopo Svampa si era dedicato a Georges Brassens, iniziando a tradurlo durante il servizio militare: Nanni Svampa canta Brassens resta un disco capitale della musica italiana.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other