Nicola Di Bari ricoverato in gravi condizioni in rianimazione a Milano

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Ottobre 2020 11:08 | Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre 2020 11:08
Nicola Di Bari ricoverato in gravi condizioni in rianimazione a Milano

Nicola Di Bari ricoverato in gravi condizioni in rianimazione a Milano (Foto Ansa)

Tre giorni fa Nicola Di Bari era stato operato alle coronarie e ora si trova ricoverato in rianimazione. Le sue condizioni sono molto serie.

Nicola Di Bari è ricoverato in rianimazione all’ospedale San Raffaele di Milano. A darne notizia è il suo manager, Franco Mariello. Milano Today spiega che le condizioni del cantautore pugliese si sono aggravate nelle ultime ore dopo un’operazione alle coronarie alla quale era stato sottoposto tre giorni fa.

Nicola Di Bari è stato vincitore per due volte consecutive del Festival di Sanremo. Autore di brani entrati nella storia della musica leggera italiana come “Chitarra suona più piano” o “La prima cosa bella”, ha compiuto 80 anni il 29 settembre scorso. 

Nato a Zapponeta, in provincia di Foggia, e pseudonimo di Michele Scommegna, la storia di Nicola Di Bari è legata alla città di Milano. È lì, infatti, che si è trasferito da giovane dopo l’infanzia nelle campagne pugliesi ed è proprio sotto la Madonnina che ha iniziato a cantare. Pochi mesi fa aveva preso parte a “Tolo tolo”, l’ultimo film di Checco Zalone.

La carriera di Nicola Di Bari

È il quarto cantante che ha vinto il Festival di Sanremo per due edizioni consecutive, nel 1971 e 1972; ha vinto anche Canzonissima nel 1971. È inoltre uno dei cantanti italiani più noti all’estero, in particolare in America Latina.

Alcuni suoi brani sono diventati degli evergreen della musica italiana, al punto di essere stati reincisi in anni successivi da altri artisti: ad esempio Chitarra suona più piano, incisa da Mina nell’album Uiallalla, o La prima cosa bella, interpretata da Malika Ayane per la colonna sonora dell’omonimo film.

Nelle sue canzoni si ritrova spesso il tema dell’emigrazione e il sentimento di grande attaccamento alla terra natia e alla vita rurale, con richiami alla campagna e ai suoi colori.

Uno dei brani da lui composti – Zapponeta – è dedicato al suo paese natale; un altro suo titolo molto conosciuto è Paese. È padre dell’attrice teatrale Arianna Scommegna. (Fonti Milano Today e Wikipedia).