Prodigy, Keith Flint prima di impiccarsi aveva chiesto alla ex moglie di tornare a casa

di Caterina Galloni
Pubblicato il 12 marzo 2019 6:00 | Ultimo aggiornamento: 11 marzo 2019 20:38
Keith Flint, Prodigy: prima di impiccarsi chiese a ex moglie di tornare casa

Prodigy, Keith Flint prima di impiccarsi aveva chiesto alla ex moglie di tornare a casa

LONDRA – Keith Flint fino a poche settimane dal suicidio aveva avuto una relazione segreta con Faye Kelbie, 43 anni. Solo pochi giorni prima di impiccarsi, il frontman dei Prodigy aveva chiesto all’ex moglie Mayumi Kai, con la quale era separato da anni, di tornare a casa. 

Un amico di Faye Kelbie, al Sun ha detto che la donna è devastata: “Per oltre due anni Keith è stata una parte importante della sua vita e lei lo adorava. Si sono lasciati perché non riuscivano a conciliare i suoi impegni con la loro relazione. Faye non è riuscita a capire la portata della sua infelicità e dei problemi mentali. Avrebbe fatto tutto il possibile per aiutarlo. Ma la sensazione è che Keith abbia deciso di mettere fine alle cose settimane fa”.

Faye, proprietaria di una clinica dermatologica e madre di tre bambini, dopo la morte di Flint  è stata vista piangere ma ha rifiutato di commentare la loro relazione. Il cantante è stato fotografato per l’ultima volta il 2 marzo in un pub di Chelmsford mentre comprava il pranzo con il suo personal trainer e solo poche ore prima aveva corso una cinque chilometri. In molti raccontano che era di buon umore, sorridente ma nessuno sapeva realmente quali fossero i gravi problemi contro i quali stava lottando.

Secondo quanto emerso dall’autopsia e riportato dal Daily Star, il frontman dei Prodigy si sarebbe impiccato nella sua abitazione a Brook Hill, la polizia l’avrebbe trovato in stato d’incoscienza e nonostante i soccorsi, il cantante è deceduto. 

Fonte: Daily Mail, Daily Star