Il reportage di Current Tv sul business dei baby-cantanti neomelodici napoletani

Pubblicato il 16 Novembre 2010 11:22 | Ultimo aggiornamento: 16 Novembre 2010 11:22

La musica neomelodica a Napoli è parte della tradizione popolare ed è anche un business da centinaia di milioni di euro l’anno. Una galassia di stelle della musica che spesso non superano i confini campani o quelli del proprio quartiere: tra questi artisti ci sono sempre più bambini dai 9 ai 14 anni. Current Tv da mercoledì 17 novembre alle 21:10 manderà in onda un reportage realizzato a Napoli nel mese di settembre.

Il circuito della musica neomelodica napoletana ha dell’incredibile, è fatto di manager, autori di testi, case discografiche, radio, tv private e tantissimi cantanti: tutto gestito rigorosamente senza mai uscire dai confini della Campania.

Essere cantanti neomelodici a Napoli e dintorni significa trovare la propria foto stampata sui muri di mezza città ed avere al seguito centinaia di fan che conoscono alla perfezione testi e ritornelli. Vuol dire anche tenere un’agenda fatta di esibizioni e impegni quasi giornalieri e una mole di produzioni musicali da fare invidia a qualsiasi artista famoso. Per la serie di reportage Vanguard,  le telecamere di Current hanno seguito quella che è la frontiera più nuova della musica neomelodica: i bambini e gli adolescenti che in pochi mesi diventano autentiche pop-star.

Il mercato della musica napoletana è spesso accusato di legami con la camorra soprattutto per i testi che esaltano esplicitamente “O Sistema”, quando si tratta di ragazzini le canzoni parlano d’amore e primi baci, ma a impressionare è la mole di denaro che i piccoli artisti riescono a produrre. A otto anni diventano idoli del quartiere; a dieci li vedi esibirsi in feste patronali, matrimoni e tv locali; a tredici anni alcuni di loro mantengono intere famiglie. Quarantacinque minuti di esibizione valgono dai 100 ai 300 euro, e di concerti i piccoli divi ne fanno anche 12 in una giornata tutto esentasse.

Spesso le carriere si fermano prima della maggiore età, perché “per uno che arriva, ce ne sono cento che si perdono per strada”, ma anche e soprattutto perché per i baby-cantanti si applicano le stesse regole dello star system. Ogni passo falso può corrispondere al declino, se non altro a causa della mole di concorrenza.

Ecco il promo di quello che vedremo da mercoledì 17 novembre su Current Tv:

[stream flv=x:/www.blitzquotidiano.it/wp/wp/wp-content/uploads/2010/11/B28694.flv embed=false share=true width=450 height=253 dock=true controlbar=over bandwidth=high autostart=false /]