Rihanna single: “Cerco un uomo che sopporti i miei orari”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Marzo 2015 17:48 | Ultimo aggiornamento: 16 Marzo 2015 17:48
Rihanna single: "Cerco un uomo che sopporti i miei orari"

(Foto Lapresse)

LOS ANGELES – Arrivata dalle Barbados negli Stati Uniti, ha solo 27 anni e ha già piazzato 13 singoli al numero uno, come Michael Jackson. E’ stata la prima testimonial nera di Dior, e nella sua vita non manca nemmeno una storia di violenza maschile, opera di quel Chris Brown che la ridusse con gli occhi pesti poco prima di un party pre-Grammy. Stiamo parlando di Rihanna. Che pare ben lontana dal diventare la signora DiCapriocome ha spiegato in un’intervista a Lorenzo Soria della Stampa:

“Non bisognerebbe credere ai blog e ai giornali di gossip”.

Lei il suo uomo lo sta ancora cercando. E dovrà essere uno “capace di tollerare i miei orari”.

Ma nell’intervista ha parlato anche dei suoi successi e della sua vita privata.

“Pensava sarebbe arrivata dove è adesso, al top?
«Non mi piace la parola top, perché da lì si può solo scendere. Ma ero molto ambiziosa. Leggevo le riviste, guardavo i video e sognavo un giorno di cantare e che il mondo intero avrebbe ascoltato la mia voce. Oggi succede e sono felice. Mi piace poter essere creativa, nella musica, nel cinema, in qualunque cosa faccio».

Potrebbe esserci altro cinema?
«Mi piacerebbe, se avessi il tempo. Mi piacerebbe fare altri film d’animazione, e non solo».

Il titolo del film è «Home», casa. Che cosa è «casa» per lei?
«È il posto in cui ti senti sicuro, dove sei a tuo agio».

Che cosa fa quando è a casa?
«Guardo la tv, spesso sto alzata tardi la notte sul divano a vedere cartoni animati. Lo so, sono noiosa. Ma detto questo, amo viaggiare e conoscere altra gente e altri costumi. Sono molto curiosa del mondo».

Il suo personaggio soffre di solitudine. Lei?
«È strano. Faccio tour in giro per il mondo, ho centinaia di migliaia di persone che invocano il mio nome. Ma a volte mi sento molto sola».

Qual è il suo uomo ideale?
«Uno capace di tollerare i miei orari. Non ho molto tempo per le relazioni e con gli impegni che ho non sarebbe nemmeno corretto averne una».”