Simon Le Bon dei Duran Duran accusato di molestie da una fan 23 anni dopo

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 luglio 2018 15:24 | Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2018 15:28
La foto che, secondo i fan, scagionerebbe Simon Le Bon

La foto che, secondo i fan, scagionerebbe Simon Le Bon

LOS ANGELES – Simon Le Bon, il frontman del gruppo Duran Duran noto per essere stato, negli anni Ottanta, un sex symbol, è stato denunciato da una sua fan. Shereen Hariri [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] oggi 47enne, avrebbe subito delle molestie da parte del cantante nell’aprile del 1995.

Shereen ha raccontato la vicenda in un post su Facebook poi condiviso anche su Twitter: “Questo è il mio #MeToo. Simon Le Bon, leader dei Duran Duran mi ha aggredita sul mio posto di lavoro nell’aprile del 1995″.

L’episodio dunque risale a 23 anni fa, quando Simon Le Bon e i suoi colleghi firmarono delle copie del loro nuovo disco in un negozio di Los Angeles. Ed è proprio qui che, all’epoca, Shereen lavorava. Nel post su Facebook, la donna ha aggiunto: “Un gruppo di giornalisti si è messo davanti a noi e mentre loro stavano iniziando a scattare le foto, ho sentito la mano di Simon Le Bon toccarmi il sedere e sfiorarmi i genitali“.

La donna oggi fa la terapeuta. Racconta di non aver avuto il coraggio di denunciare quello che le è successo fino ad oggi solo perché altrimenti “per la stampa sarei stata la ragazza che accusa Simon Le Bon e non volevo diventarlo”.

A incoraggiare Shereen a parlare sono stati i fatti emersi dopo le decine di accuse arrivate al produttore di Hollywood Harvey Weinstein e il conseguente movimento #MeToo, con decine di attrici che hanno denunciato i casi di molestie e violenze su di loro. Shereen ha anche specificato che non è in cerca di risarcimenti, ma vorrebbe almeno le scuse da parte del cantante anche perché, dopo tutti questi anni, non ci sarebbero gli estremi per sporgere denuncia.

La risposta del frontman dei Duran Duran è arrivata subito. Simon Le Bon ha infatti scritto un post sulla pagina Facebook del gruppo dichiarando che l’accusa è falsa: “Quando ho proposto alla signora Hariri di incontrarci e chiarirci ha declinato il mio invito e adesso ha scritto questo post. Non posso scusarmi di qualcosa che non ho fatto”.

Del fatto ha parlato anche l’assistente di Le Bon, Katy Krassner. La donna ha raccontato di essere stata presente in quella occasione ma di non aver visto nulla di quanto raccontato: “Simon era seduto proprio accanto agli altri del gruppo – ha spiegato su Facebook – e pensare che da lì possa aver molestato qualcuno è un’ipotesi semplicemente ridicola”.

Della presunta molestia si sono occupati intanto anche i fan di Simon Le Bon, i quali hanno pubblicato la foto del cantante dei Duran Duran al negozio di dischi. Nello scatto ripreso anche dal Daily Mail, si vede Le Bon accanto ai componenti del gruppo. Scrive una fan che ha rilanciato la foto sui social: “Ecco una foto di quel giorno, in nessun modo c’era posto per lei in piedi dietro di lui”.