Whitney Houston sapeva che sarebbe morta: “Sto per vedere Gesù”

Pubblicato il 15 Febbraio 2012 18:26 | Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2012 18:26

Whitney Houston (Foto LaPresse)

LOS ANGELES – Whitney Houston sapeva che sarebbe morta: secondo quanto scrive Tmz pochi giorni prima di morire la cantante avrebbe raccontato ai suoi amici che “desiderava davvero vedere Gesù”, e che sentiva che la sua fine era vicina.

Secondo quanto ha appreso Tmz, Whitney Houston era diventata molto spirituale nei suoi ultimi giorni, e quando parlava con i suoi famigliari e i suoi amici citava spesso la Bibbia, cantava gli inni religiosi, e aveva iniziato a fare lunghi discorsi su Gesù e la vita nell’aldilà.

Venerdì 10 febbraio, il giorno prima di morire e il giorno dopo aver cantato “Sì, Gesù mi ama” al Tru night club di Hollywood, Whitney avrebbe detto ad un suo amico: “Sto per vedere Gesù, voglio vedere Gesù”.

La mattina dopo, alcune ore prima di morire, Whitney stava discutendo un passaggio della Bibbia in cui si parlava di Giovanni Battista e Gesù, quando fece un gran sorriso e disse: “Lo sai, è figo… Davvero voglio vedere Gesù”.

Un’altra fonte ha detto a Tmz che Whitney aveva detto ad alcuni amici che “sentiva che la sua ora era vicina”, e voleva essere certa di aver pregato abbastanza il Signore prima di morire.

Il sito di gossip Tmz cita anche il passaggio della Bibbia che Withney avrebbe letto e discusso insieme ai suoi amici. E’ quello che parla del dolore dopo la morte, tratto dal Vangelo di Matteo. “Allora Gesù venne dalla Galilea al Giordano per essere battezzato da Giovanni (Battista, n.d.r.). Ma Giovanni cercò di dissuaderlo dicendo: ‘Sono io che devo essere battezzato da te, e tu vieni da me?’ E Gesù rispose: ‘Lascia che ora sia così. Noi dobbiamo fare così per realizzare la volontà divina’. E Giovanni acconsentì. Subito dopo essere stato battezzato, Gesù uscì dall’acqua. In quel momento il cielo si aprì e Giovanni vide lo Spirit Santo discendere come colomba e posarsi su di lui. E una voce dal cielo dire: ‘Questo è mio Figlio, che io amo, del quale mi compiaccio'”.