Vasco Rossi minaccia Nonciclopedia: “Mi diffamate, pagherete”

Pubblicato il 10 Ottobre 2011 15:21 | Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2011 15:52

BOLOGNA, 10 OTT – ”Cari i miei ‘brufolosi e ignoranti ragazzini’, fatevene una ragione. Non e’ della mia reputazione o della mia immagine che si tratta. Sapete quanto me ne frega? Se avete passato il limite della diffamazione ne dovrete rispondere ai miei avvocati e in sede legale. E’ inutile che vi arrampichiate sugli specchi. Dovete prendervi la ‘responsabilita” di quello che avete fatto. Se verranno accertati gli estremi della diffamazione, i danni che vi chiedero’ di pagare saranno devoluti in beneficenza e non saranno pochi. Questo ve lo posso garantire. Ma questa e’ solo una questione ‘tecnica’. Restano solo gli ‘specchi’… da pulire e la vostra arrogante ignoranza… da punire”. Cosi’ Vasco Rossi, con un post su Fb che ha collezionato oltre 8.000 ‘mi piace’, nell’ambito della rinnovata querelle con ‘Nonciclopedia’ (che si definisce ‘l’enciclopedia priva di qualsivoglia contenuto a cui chiunque puo’ contribuire’) e i suoi fans.

”Scrivere in forma anonima sul muro di un cesso o su un sito internet – aggiunge l’artista – puo’ essere una attivita’ divertente, ma NON si tratta di liberta’ di espressione o di parola. Questo sacrosanto diritto conquistato dalla civilta’ occidentale al prezzo della vita di milioni di persone, lo si esprime solamente quando ci si prende la responsabilita’ di quello che si dice mettendo il proprio nome e cognome. La ‘delaz…ione’ anonima e’ la triste realta’ dei regimi totalitari e dittatoriali del secolo scorso”.