Giorgio Napolitano. Gi attacchi sono odiosi ma anche la prova del suo valore

di Antonio Buttazzo
Pubblicato il 26 aprile 2018 9:50 | Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2018 9:50
Giorgio Napolitano. Gi attacchi contro di lui sono odiosi ma anche la prova del suo valore

Giorgio Napolitano. Gi attacchi sono odiosi ma anche la prova del suo valore (foto Ansa)

ROMA – È davvero deplorevole l’attacco al Presidente Giorgio Napolitano che lotta tra la vita e la morte. Anzitutto umanamente deplorevole, ci vorrebbe maggior rispetto per un uomo anziano ed ammalato.

E poi perché nella stragrande maggioranza dei casi pochi conoscono la storia e la vita di Napolitano, un politico che ben prima della svolta della bolognina di Achille Occhetto ha portato il PCI fuori dall’orbita sovietica traghettando la sinistra italiana tra le avanzate socialdemocrazie europoee.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

La sua corrente definita con disprezzo, compreso da chi scrive,  “migliorista”, tra i comunisti a cavallo degli anni 70 ed 80, era un laboratorio moderno da cui hanno tratto spunto le migliori menti europee e che ha ispirato il programma di Bad Godesberg, dove sono state gettate le base della social democrazia europea con il ripudio, a sinistra, di ogni riferimento al marxismo-leninismo.

Del resto anche gli americani, che di anticomunismo ne sanno più di Gasparri  e Brunetta, lo avevano capito. Ed infatti è l’unico a cui hanno concesso un visto d’ingresso in USA per un ciclo di conferenze universitarie gia 35 anni fa.

In effetti era apprezzato anche a destra, almeno fino a quando non ha commesso il reato di lesa maestà costringendo Berlusconi (che pure lo apprezzava) alle dimissioni. Da allora è stato oggetto di odio da tutti i leoni da tastiera che quando viene toccato il cavaliere mascarato si scatenano come pochi. Anche Grillo lo detesta.

Ma lì si capisce di più, in effetti la deriva populista dei 5 stelle non è mai stata vista di buon occhio da Napolitano. Neanche il suo partito in fondo lo ha mai amato. Ed il fatto di essere al giorno d’oggi tanto inviso è in fondo la prova del suo valore.