Cardinale e CasaPound, chi paga la luce?

di Lucio Fero
Pubblicato il 14 Maggio 2019 9:35 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2019 14:08
Cardinale e CasaPound, chi paga la bolletta dellaluce?

Cardinale e CasaPound, chi paga la luce? (nella foto Ansa, il cardinale Krajevski)

ROMA – Cardinale e CasaPound, chi paga la luce? Il caso si è divertito a far conto pari: 300 mila euro l’importo delle bollette non pagate dalle famiglie italiane e non che illegalmente occupano e abitano lo stabile ex sede dell’Inpdap, 300 mila euro l’importo delle bollette non pagate dall’organizzazione politica e militante CasaPound che illegalmente da 16 anni occupa e abita (famiglie dirigenti comprese) stabile pubblico sottratto alla disponibilità dei legittimi proprietari. Entrambi i palazzi occupati sono a Roma.

Un Cardinale facente funzione di elemosiniere del Papa ha illegalmente e platealmente riattaccato la luce per i 400 occupanti del palazzo ex Inpdap. Il cardinale si è calato in un tombino, ha rotto i sigilli al contatore, ha pubblicamente trasgredito alle norme. Tempo poche ore l’Acea, l’azienda danneggiata in solido dalle bollette non pagate e dalla violazione dei sigilli, ha rivolto esposto in Procura contro ignoti (ignoti per nulla, il cardinale ha lasciato anche biglietto da visita). Non risulta da 16 anni nessun esposto in Procura da parte di Acea per sigilli violati ai contatori del palazzo occupato da CasaPound, anche per l’ottimo motivo che lì la luce non è mai stata tagliata.

Sul Cardinale ufficialmente elemosiniere e ribattezzato Robin Hood da stampa favorevole pioggia di consensi e congratulazioni e acquazzone di critiche e condanne. Ridare l’acqua calda ai bambini è dovere umano e cristiano…No, è solo predicare e praticare l’illegalità e incoraggiare a non pagate a danno del prossimo…Paghi il Vaticano le bollette invece di fare sceneggiate e se li prenda a casa sua il Papa i senza tetto…Ribellarsi concretamente all’ingiustizia è la vera giustizia, è socialmente vile non far nulla quando qualcuno è costretto a condizioni di vita sotto ogni standard…No, prima gli italiani! Ma che alibi e pretesto è questo: quanti sono gli italiani senza acqua? Voi che dite così avete in testa società basata su diritti etnici e non su diritti umani…Quel prete che si comporta come uno dei Centri sociali è l’ultima e più grande vergogna, la proprietà privata è sacra…

In questo sovraffaticato parlare l’un sopra l’altro una cosa resta sottaciuta: perché agli occupanti spesso scuretti di pelle del palazzo ex Inpdad luce giustamente tagliata perché non pagano bollette e agli occupanti neri di fede politica e azione di piazza del palazzo occupato da Casapound luce sempre e ancora fornita anche se nessuno paga? Perché scandalo del non pagare è intollerabile se non pagano quelli e tollerabilissimo se non pagano quegli altri? Perché CasaPound…picchia? Perché CasaPound dice cose che piacciono a certo elettorato e che suonano musica non proprio diversa e dissonante da quella suonata al governo lato Lega?

Certo quel Cardinale è risibile anche improprio e anche sbagliato lodarlo come un Robin Hood senza macchia e senza paura. Ma, tanto per restare in tema di cristianità e dintorni, quelli che piangono la legalità violata dal Cardinale e si accucciano e accomodano da anni nel silenzio sull’illegalità CasaPound altro non sono che sepolcri imbiancati.