Conte, le gaffes volontarie del premier teleguidato da Casaleggio e Di Maio

di Carlo Luna
Pubblicato il 7 giugno 2018 13:37 | Ultimo aggiornamento: 7 giugno 2018 13:37
Conte, le gaffes volontarie del premier teleguidato da Casaleggio e Di Maio

Conte, le gaffes volontarie del premier teleguidato da Casaleggio e Di Maio

ROMA – Quello sulla “presunzione di colpevolezza”, evocata da Conte a Montecitorio, per alcuni è stato solo un errore dovuto alla tensione. Se l’avesse fatto un architetto potremo anche essere d’accordo, ma da un avvocato, sia pure civilista, è stupefacente visto che nel nostro ordinamento è prevista solo la presunzione di “innocenza”. Il Foglio sostiene [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] che ci sarebbe la mano del magistrato Piercamillo Davigo secondo il quale “non esistono innocenti; esistono solo colpevoli non ancora scoperti”.

La gaffe più clamorosa e politicamente di assoluta gravità riguarda Mattarella. Conte ha detto di provare amarezza perché sui social è stato offeso “un congiunto” del Capo dello Stato. E’ francamente impossibile che un professore di 53 anni, dal curriculum così ampio e pesante, citi un “congiunto” senza specificarne il nome. Quando Piersanti fu assassinato dalla mafia e morì fra le braccia del fratello Sergio, la notizia fece il giro del mondo.

Conte, anche se all’epoca era impegnato a impinguare il proprio curriculum nella biblioteca di qualche università americana, non poteva non saperlo. Ciò che è imperdonabile, tuttavia, non è qualche messaggio becero sui social, ma che uno dei padrini di Conte, Luigi Di Maio, abbia minacciato di impeachment il Presidente della nostra Repubblica, e dopo 24 ore abbia cambiato parere. Un comportamento deplorevole, al quale Conte non ha minimamente accennato. Ne avrebbe potuto farlo.

Il nome di Piersanti Mattarella nell’aula di Montecitorio è stato ricordato, con opportuna aggressività, da Graziano Delrio che insieme a Maurizio Martina ha contestato radicalmente impostazioni e programmi del Governo giallo verde. “Lei dice di parlare a nome del popolo – ha detto Delrio- ma tutte le dittature sono cominciate in nome del popolo”. Il riferimento alla Repubblica di Weimar e alla nascita del nazismo è sembrato palese.

Fra mille difficoltà, per il PD inizia da oggi una lunga marcia che dovrà caratterizzarsi con una forte opposizione sulle singole proposte del Governo , ma soprattutto con la difesa intransigente della democrazia parlamentare che in 72 anni di Repubblica non è stata mai messa in discussione. Ci voleva uno come Conte, teleguidato da Di Maio e Casaleggio, per mettere in cantiere una follia del genere.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other