Travaglio boccia Di Maio e Cananea: “Calare le braghe non è mediazione”

di Carlo Luna
Pubblicato il 26 aprile 2018 13:01 | Ultimo aggiornamento: 26 aprile 2018 13:01
Travaglio boccia Di Maio e Cananea: "Calare le braghe non è mediazione"

Travaglio boccia Di Maio e Cananea: “Calare le braghe non è mediazione”

Marco furioso è tornato. Questa volta Marco Travaglio non si limita, come fa abitualmente,  a strapazzare il PD e Renzi ma, a sorpresa, boccia sonoramente il programma del Movimento 5 stelle, scritto dal gruppo di esperti guidati dall’esimio professore Giacinto  della Cananea. Una stroncatura clamorosa e senza appello, perché proviene da chi ha trasformato Il Fatto Quotidiano in una Bibbia grillina.

Il verdetto travagliesco è durissimo. Il documento del professore viene bollato come  “pessimo”. I dieci punti che propone come programma “sono il distillato del niente che accomuna M5S, PD e Lega”. Si tratta “di un semolino inodore, incolore, insapore e immangiabile”, che non fa nemmeno un cenno “a conflitti d’interessi, TV, prescrizione e anticorruzione”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Una volta lanciato Marco Furioso non lo fermi più: Sentenzia che il documento base “pare scritto da Forlani per un governo balneare Rumor”. In conclusione regala una Lectio Magistralis al Cananea e ai grillini: ”Dialogare, negoziare e fare compromessi si chiama politica. Ma presentarsi al tavolo con le braghe già calate si chiama suicidio”.

Chissà come sarà stato contento Di Maio quando ha letto queste bordate.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other