Il pasticciaccio della commissione banche

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 febbraio 2018 5:38 | Ultimo aggiornamento: 31 gennaio 2018 15:46
Il pasticciaccio della commissione banche

Il pasticciaccio della commissione banche

ROMA – Giuseppe Turani ha scritto questo articolo dal titolo “Il pasticciaccio della commissione banche” anche per il sito Uomini & Business.

Chi ne avrà voglia potrà andare a leggersi la relazione finale della commissione parlamentare sulle banche. Ma potrà anche farne a meno. Non perderà del tempo: centro non c’è assolutamente niente. La stessa cosa si può dire per i documenti delle minoranze: ognuno ribadisce le proprie notissime posizioni.

La relazione di maggioranza è stata approvata dai membri del Pd, più i centristi, ma soprattutto grazie all’assenza di Forza Italia. Qualcuno ha titolato che Forza Italia ha salvato i dem nella commissione banche e è proprio così.

Nessun scandalo rivelato, nessun fatto preciso, solo generiche censure alla vigilanza di Bankitalia. Per il resto non è servita assolutamente a nulla. Tranne in una cosa: ha messo Maria Elena Boschi sulla graticola per alcune settimane, costringendo il Pd alla fine a candidarla addirittura a Bolzano invece che nella sua amata Arezzo.

Non perché siano state scoperte colpe gravi di Meb, ma solo perché si è parlato troppo delle vicende legate a Banca Etruria. Il Pd pensava, all’inizio, che la commissione banche sarebbe stata la bomba atomica contro i compagni che avevano fatto la scissione (leggi banca Mps e dintorni), ma non è successo niente. Insomma, un super flop annunciato e che si è puntualmente verificato.

E’ servita, almeno a collocare il Pd fra i nemici delle banche? Si spera proprio di no. Perché  mai il Pd dovrebbe essere contro le banche? Semmai contro i banchieri disonesti. Ma a quelli sta già pensando la magistratura, alla quale la cosa compete istituzionalmente. Perseguire i reati spetta appunto alla magistratura, non a Bankitalia e nemmeno alle commissioni d’inchiesta parlamentari.

Insomma, si è trattato, alla fine, di una scivolata populista del Pd e niente di più. Già all’inizio si era parlato, qui e altrove, di boomerang. E si è stati irrisi.

Ma era proprio un boomerang che alla fine ha fatto male solo al Pd che l’aveva promossa. E a Maria Elena Boschi che adesso deve pure cercare di imparare un po’ di tedesco.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other