Eurobond e Mes, gli idoli (forti e falsi) e i soldi (veri e deboli)

di Lucio Fero
Pubblicato il 14 Aprile 2020 10:19 | Ultimo aggiornamento: 14 Aprile 2020 10:19
Eurobond e Mes, gli idoli (forti e falsi) e i soldi (veri e deboli) per gli Stati europei

Eurobond e Mes, gli idoli (forti e falsi) e i soldi (veri e deboli) (nella foto Ansa, Giuseppe Conte dopo l’ultima riunione dell’Eurogruppo)

ROMA – Eurobond e Mes sono idoli prima ancora che soldi. Dovrebbero essere soldi prima ancora che parole magiche, ma così non è: sono feticci, amuleti, scongiuri, anatemi, immagini e formule sacre prima ancora, molto prima che fatti concreti.

In Germania, in Finlandia, Austria, Olanda…la parola eurobond è impronunciabile. Al suo suono buona parte della pubblica opinione, della gente, degli elettori, del popolo si spaventa e ribella.

Basta il suono della parola, lì la parola eurobond è socialmente oscena. Lì l’eurobond è idolo della falsa religione degli altri, lì eurobond è idolo cui intimare il vade retro.

La parola, l’idolo. Non la sostanza: i 100 miliardi del Sure (una sorta di Cassa Integrazione europea) e i 200 delle Bei (finanziamenti alle imprese) sono finanziati con titoli emessi con garanzie di Stati della Ue. Sono di fatto degli eurobond, governi tedesco ed olandese e austriaco e finlandese li hanno accettati, senza neanche far troppe storie.

L’importante era che non si chiamassero eurobond, altrimenti la loro gente si spaventa e si ribella contro l’idolo maligno. E anche il Fondo per la Ricrescita economica, quando verrà, sarà finanziato, poco o tanto che sia, con titoli emessi con garanzia degli Stati della Ue. Saranno eurobond ma sarà obbligatorio non chiamarli così, altrimenti l’elettore tedesco, olandese, finlandese….

In Italia facciamo altrettanto, scacciamo l’idolo. Mes, Fondo Salva Stati. In Italia la parola non la puoi pronunciare. Per Salvini e Meloni e milioni di italiani con loro è tradimento della patria, anzi alto tradimento, anzi peggio ancora è essere al soldo dello straniero.

Insomma Mes è che ci fregano i soldi e poi ci bastonano pure. Gran parte di M5S e del suo restante popolo è più o meno della stessa…sensazione. Mes, la parola Mes fa in Italia la stessa sensazione che fa la parola Eurobond in Olanda.

E l’idolo è più forte, più forte perfino dei soldi. Fondo Salva Stati era Fondo che prestava a Stato che aveva speso troppo. E quindi Fondo imponeva a Stato di rientrare, stringere cinghia in cambio del prestito. Fondo Salva Stati era…

Fondo Salva Stati, il Mes, non è più questo. Ora è circa 450 miliardi che ciascuno Stato della Ue può prendere in percentuale sul proprio Pil (circa 37 miliardi per l’Italia). Non c’è più il contenitore con le regole e gli obblighi, sono rimasti solo i soldi.

L’unica regola, non solo accettabile ma perfino doverosa, è che i miliardi servano e siano spesi per l’emergenza sanitaria. Ma l’idolo è più forte dei soldi, il governo italiano è pronto e disposto a non prenderli quei miliardi perché…perché sono miliardi maledetti su cui grava sortilegio.

Altro che ideologie sfinite e archiviate, l’ideologia, anzi il pensiero magico sono perfino più forti e potenti dei soldi veri.

E quindi bisognerà fare (e un po’ si stanno facendo) gli eurobond ma senza mai chiamarli tali. E l’Italia dovrà prendere i miliardi dei Fondi europei senza mai chiamarli Mes. E che non si pronunci troppo la parola Bce, comperà 240 miliardi di titoli italiani di qui a fine anno, consentirà di pagare stipendi e pensioni, senza Bce Italia sarebbe già a gambe all’aria a giugno…ma banca è cattiva parola.