La nuova sanità di Balduzzi: “Ticket per i ricoveri, sigarette tassate”

di Franco Manzitti
Pubblicato il 24 Gennaio 2012 13:11 | Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio 2012 13:51

ALESSANDRIA – Emozionato lo è eccome, il neo ministro alla Salute del governo Monti, nei giorni in cui la Corte Costituzionale ha bocciato il referendum sulla legge elettorale con il testo da lui, professore di Diritto Costituzionale alla Università Cattolica, scritto e difeso. Emozionato lo è,  uno dei professori di Monti, nella sera in cui torna a casa nella sua Alessandria a parlare in pubblico della Sanità difficile da gestire al tempo della “spending rewiu” del suo “capo” il “preside” presidente del Consiglio  ed anche della legge elettorale, appena stangata.

Un po’ emozionato sì, come confessa subito, perchè ha davanti il suo pubblico, invitato dalla Associazione Acsal, l’ombelico socio culturale economico di Alessandria, fondata dai fratelli Guala, grande gruppo industriale filantropico che ha trasformato la sua sede, nel cuore della provincia un po’ mandrogna, in un fulcro di incontri, confronti sulla cresta dell’attualità più ficcante. Ma anche tanto determinato da parlare chiaro e forte sullo stile del governo e dei ministri che galleggiano in questa emergenza economica spaventosa tra un Parlamento che li guata e un’opinione pubblica che ha perso la fiducia nella politica e il Paese che bolle di rivolte sulle liberalizzazioni, compresa la sua sulle farmacie.

“La bellezza di questa situazione – dice Balduzzi sciolto il groppo di emozione – è la transitorietà, la temporaneità. Sappiamo che finirà e fino ad allora lavoriamo senza sosta: giornate infinite inseguendo le emergenze e con l’obiettivo di organizzare le proprie decisioni in un disegno strategico”.  In quel disegno il riordino delle drammatiche emergenze della Sanità pubblica, al di là delle farmacie, appare già cadenzato: Balduzzi conferma i tiket per i ricoveri,  ma li subordina a “trasparenza” ed “ equità”, dichiara che il sistema italiano è “ sostenibile” fino al 2050, ma se il reddito dei singoli e il Pil dello Stato non avranno tracolli e spiega come ci si potrà servire dei fondi integrativi assicurativi.

Anticipa la possibilità di tasse di scopo su alcolici e sigarette per “pagare” la sanità. Smitizza, il neo ministro, quel famoso decreto segreto che nessuno dei suoi predecessori ha mai voluto firmare per chiudere i “piccoli ospedali”, con meno di 120 posti letto e racconta anche qualche aneddoto sul clima che circonda Monti e i suoi: “Abbiamo concluso lunghissime riunioni in consiglio dei ministri a volte in anticipo sui nostri tempi, perché il protrarsi dei vertici allarmava oltremisura gli staff e i partiti politici.

“Se ci mettono tanto vuol dire che litigano”, trasmettevano fuori i commessi di Palazzo Chigi, mentre la verità é che  Mario Monti applica rigorosamente su ogni questione il principio sacro della collegialità. E quindi le decisioni, ogni decisione, vengono prese ascoltando tutti i ministri, uno per uno.”

Un governo transitorio, temporaneo, convinto di non doversi guadagnare sempre il consenso, ma proiettato a fare sempre il meglio? Non un governo tecnico, come ha appena scritto su Repubblica Eugenio Scalfari nel suo editoriale dell’ultima domenica.

“Traghettiamo, ma verso dove? – si chiede con un certo sussiego Balduzzi, davanti alla sua platea che lo guarda magari non del tutto complessivamente convinta che nessuno di quei ministri pensi a un “dopo” politico – C’è sicuramente un nesso tra noi e la politica, ma noi guardiamo a quella dei cittadini che non possono continuare a vedere il Parlamento come qualcosa verso il quale non si può avere fiducia.  Il rapporto di fiducia tra cittadini, partiti e politica, questo va ricostruito. Non può essere ridotto così. Non è mai successo così a lungo nella nostra storia, forse per brevi momenti, ma mai per tanto tempo.  Chiariamo subito che non è vero che in Parlamento non si lavora. Noi abbiamo un grande rispetto per il lavoro delle Assemblee e per le Commissioni, che verifichiamo ogni giorno.”