Berlusconi da Santoro, immagino che…

di Giuseppe Giulietti
Pubblicato il 10 Gennaio 2013 14:33 | Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2013 14:34

Silvio BerlusconiROMA – Come andrà il duello tv tra Santoro, Travaglio e Berlusconi? Al netto delle sceneggiate che il cavaliere sicuramente farà con tanto di mossa “me ne vado o no?”. Alla maniera delle sciantose, si può già decretare la vittoria di tutti i protagonisti.

La trasmissione di Santoro sarà il primissimo luogo che ospiterà un duello vero, senza rete, con domande insidiose, e una girandola di colpi di scena. Michele Santoro, Marco Travaglio, tutti i loro collaboratori non si faranno intimidire, non oscureranno i temi sgraditi a Berlusconi, non gli consentiranno di di assumere toni padronali. Ne uscirà una puntata vivace, gli ascolti balzeranno verso l’alto, il programma entrerà tra gli eventi delle campagne elettorali, sarà ripresa da tutti i tg e non solo italiani.

Gli autori e La7 potranno sicuramente festeggiare. Comunque vada, tuttavia, potrà festeggiare anche Berlusconi che, piaccia o no, ha già dimostrato di avere coraggio, di saper accettare le sfide più difficili, di scendere anche nella tana del leone, cosa che Mario Monti, per fare un esempio, non ha mai accettato di fare.

Berlusconi sa di dover recuperare un distacco quasi incolmabile, conosce le debolezze della sua squadra e della stessa intesa con la Lega, e quindi deve giocare il tutto per tutto e dimostrare almeno che non è affatto un vecchio capo ormai bollito e in pantofole. L’obiettivo lo ha già colto: i suoi competitori interni appaiono sempre più figure patetiche, incapaci di liberarsi del padre padrone, nessuno di questi prendere il suo posto.

Santoro e Travaglio lo metteranno sotto, il pubblico non berlusconiano sarà felice, ma il cavaliere non si curerà di noi e di loro e neppure delle figuracce e che rimedierà, perchè il suo obiettivo sarà quello di parlare a quella parte del popolo di destra che ancora dorme, vorrebbe astenersi o addirittura votare per Grillo.

A loro si rivolgerà Berlusconi e tenterà di “sedarli” con la promessa di abbattere le tasse, alzare i salari, sgominare le odiate oligarchie Europee…. Questo farà il Cavaliere, e poi si farà immortalare dalle tante reti pubbliche e private che ancora controlla e da quelle postazioni gestirà il post dibattito e non gli mancheranno i giornalisti in livrea pronti comunque a titolare: “Berlusconi trionfa a nella tana del lupo”.

Forse non trionferà, ma comunque anche lui ha messo a segno un colpo efficace e di questo bisogna dargli atto pubblicamente. Naturalmente poi dovrà anche cercare di convincere la maggioranza degli italiani e questo sarà più difficile, perché quel budino e già stato mangiato e gli illusionismi di un tempo hanno perso gran parte del fascino di allora, ma questo la sa anche Lui e,anche per questo, ha accettato la sfida con Santoro e Travaglio.

Quelli che stasera si sganasceranno ascoltando i numeri del cavaliere, sappiano che, in ogni caso, il medesimo non piangerà affatto, né prima, né dopo il rodeo.