Farina, una “specie di eroe”

di Giuseppe Giulietti
Pubblicato il 7 Gennaio 2012 18:09 | Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio 2012 18:09

“Simone siamo con te” ,così recitava uno striscione esposto nello stadio di calcio di Gubbio.

L’incoraggiamento ed il ringraziamento era giustamente rivolto dai tifosi, civili come pochi altri, del Gubbio calcio al difensore Simone Farina che si è rifiutato di partecipare al calcio scommesse e ha subito denunciato il tentativo di illecito.

I suoi tifosi lo hanno festeggiato come un eroe civile, l’allenatore della nazionale Prandelli lo ha addirittura convocato per una partita premio in maglia azzurra.

Episodi bellissimi, ma che ci debbono far comprendere lo stato di degrado etico nel quale siamo precipitati.

Farina, in questa Italia, è una specie di eroe, perchè ha detto no ad un tentativo di corruzione, si è rifiutato di partecipare ed ha avvertito i suoi superiori.

Evidentemente questa non è la norma, ma una eccezione talmente eclatante da dover essere celebrata in modo solenne.

Sino a quando i Farina non saranno “normali cittadini” che rispettano la legalità, ma ” anomalie” da onorare e da celebrare, vorrà dire che saremo ancora e sempre in una situazione di emergenza etica e civile.

Comunque grazie a al Gubbio calcio, ai suoi tifosi ed,ovviamente , a Simone Farina che comunque ha detto un no, al posto di quel dolce si che troppo spesso “risuona” in questi casi.