Governo Pd-M5s ridicolo, Turani spiega perché: “Comprereste un’auto usata da Di Maio?”

di Giuseppe Turani
Pubblicato il 28 aprile 2018 7:12 | Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2018 1:26
Governo Pd-M5s ridicolo, Turani spiega perché: "Comprereste un'auto usata da Di Maio?"

Governo Pd-M5s ridicolo, Turani spiega perché: “Comprereste un’auto usata da Di Maio?”

ROMA – “Comprereste mai un’auto usata da Luigi Di Maio”. In questo articolo apparso anche sul sito Uomini & Business, Giuseppe Turani spiega perché un governo Pd-M5s sarebbe senza senso e pure un po’ ridicolo.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Credo, ma davvero, che il mondo intero stia ridendo di noi per questa storia del governo 5 stelle-Pd. D’altra parte, basta un’occhiata distratta ai telegiornali, quando il terzetto Di Maio, Giulia Grillo e Toninelli esce dai colloqui per rendersi conto che siamo davanti a ragazzini che tutto possono fare, meno un governo. Possono tornare a scuola, andare in gita con la zia, mangiare biscotti. Non gestire il paese.

Governo che fra l’altro avrebbe vita precaria, bersagliato dall’ira funesta del centrodestra (che, in teoria, ha vinto le elezioni e che viene spinto all’opposizione). Ma c’è di più: il governo nascerebbe con pochissimi voti, appena appena. Al punto che al Senato basterebbe il solo voto contrario di Renzi e di un suo amico per affossarlo. Un governo traballante, via, che sta in piedi solo quando tira vento.

Poi c’è il mitico programma intorno a cui si starebbe lavorando. Tutta aria fritta, purissima aria fritta: lavoro, povertà, Sud. Per il momento, l’unica cosa che si sa è che vanno trovati, quest’anno, dodici e passa miliardi (forse venti, tenendo conto di impegni pregressi) per evitare l’aumento dell’Iva, che in questo momento sarebbe letale. Nel 2020, che è dopodomani, di miliardi per la stessa ragione ne serviranno 20, e a quel punto ci sarà anche meno crescita di adesso.

E infatti l’idea, l’ideona, è di andare a Bruxelles e fare la voce grossa: o ci date la flessibilità o spacchiamo tutto.

Già mi vedo la Commissione: dopo tanto penare, magari, concede uno sforamento dello 0,5 per cento, una manciata di miliardi, qualche decina.

E con quelli che ci si fa? Il reddito di cittadinanza per gli abitanti di Nardò per sei mesi. E poi?

Da qualunque parte la si guardi, questa cosa non ha molto senso. E infatti, per ora, la sola idea che si possa fare non ha diffuso gioia e giubilo, ma solo tremende incazzature della base Pd e di quella 5 stelle.

Con i mercati che stanno con le armi al piede. Se qui passa l’idea di un governo spendaccione, che vuole distribuire soldi che non ha e rimettersi a costruire cattedrali nel deserto del Sud (questa volta ecologiche), scoppia il finimondo e la troika, sempre di stanza a Vipiteno, scende di corsa verso Roma, “rilevando” l’immonda creatura politica.

Ma, si dirà, coalizioni si sono sempre fatte, anche fra diversi, in Italia e all’estero. Vero, ma non fra gente che fino a ieri voleva distruggere questo sistema e gente che invece ci crede. E non con ragazzini raccattati sulla rete, dove avevano appena smesso di fare i giochini.

Ripeto: per farvi un giudizio sereno, guardate qualunque telegiornale con i tre grillini che escono dalle consultazioni. Comprereste mai una macchina usata da loro? Forse una motoretta. Un Ciao, 50 di cilindrata.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other