Italia vagone di coda, treno Europa freno a mano tirato

di Giuseppe Turani
Pubblicato il 17 settembre 2014 13:20 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2014 13:20
Italia vagone di coda, treno Europa freno a mano tirato

Italia vagone di coda, treno Europa freno a mano tirato

ROMA – Stiamo viaggiando dentro un convoglio che ha il freno a mano tirato e, naturalmente, siamo il vagone di coda, quello che si sta perdendo per strada. Questo è il senso dell’ultimo rapporto Ocse sull’economia europea. E’ quasi inutile persino guardare le cifre, tanto sono deludenti. La crescita europea, nel suo complesso, quest’anno sarà grosso modo quella che in America si ha in un trimestre.

Se poi dall’insieme del Vecchio Continente passiamo ai singoli paesi più grandi le cose cambiano di poco. La Germania ha un po’ più di sprint rispetto alla media, ma siamo sempre in una zona di bassa crescita. La Francia fa un po’ peggio della Germania e l’Italia rischia addirittura di farsi, oltre ai due che ha già fatto, altri due anni di recessione: il 2014 e il prossimo.

Perché accade questo? La risposta non è difficile: l’Europa è un paese chiuso dentro una doppia ingessatura.

La prima riguarda il suo assetto istituzionale e le sue regole di convivenza. E’ un’area lenta, dove nulla si cambia se non dopo lunghi dibattiti e lunghi scontri con delle burocrazie molto potenti., che hanno il solo obiettivo di rendere tutto ancora più labirintico e complicato Inoltre, non si può nemmeno escludere che l’Europa tenti di difendere un welfare diventato ormai molto costoso. La cura delle persone (il welfare) è la cosa che distingue l’Europa dall’America, ma forse il suo peso comincia a essere eccessivo.

Il secondo tipo di ingessatura che frena l’economia del Vecchio Continente è quella che si potrebbe definire come “avarizia monetaria”. Negli Stati Uniti, allo scoppio della crisi, hanno deciso di non badare a spese e le rotative delle Federal Reserve hanno lavorato anche di notte per stampare dollari. E’ probabile che abbiano anche esagerato, ma alla fine il gigante si è mosso e adesso cresce abbastanza bene.

In Europa, come tutti sanno, si è seguita la strada inversa. I tedeschi si sono opposti a usare l’euro (magari stampato in quantità industriali) come medicina per la crisi. Poiché molti paesi (Italia compresa) avevano già esagerato con i debiti, hanno preteso (e pretendono) che prima si faccia un po’ di ordine: i famosi ”compiti a casa”. Abbiamo cominciato con Monti e stiamo ancora andando avanti, tre governi dopo.

Gli altri paesi non stanno molto meglio però. La Germania respira appena, rispetto alle sue potenzialità, e la Francia se ne sta lì con l’acqua alla gola.

La conclusione è molto semplice: i tedeschi volevano un Continente serio e ordinato, con governi molto attenti e responsabili, a loro immagine e somiglianza, ma finora non hanno ottenuto quasi niente di tutto questo. Sono solo riusciti a trasformare un’area in cui vivono più di 400 milioni di persone in una zona depressa del pianeta.