Lotito niente seggio ma Lotito test Quirinale, nella Repubblica dei gonnellini di banane

di Alessandro Camilli
Pubblicato il 3 Dicembre 2021 9:46 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2021 9:46
Lotito niente seggio ma Lotito test Quirinale, nella Repubblica dei gonnellini di banane

Lotito niente seggio ma Lotito test Quirinale, nella Repubblica dei gonnellini di banane FOTO ANSA

Lotito capo in testa della Lazio squadra di calcio diventato test per l’elezione del Capo dello Stato. Lo scrivono in tanti stamattina certi e sicuri di scrivere una cosa normale, anzi normalmente arguta. Si è votato nel 2018, quasi quattro anni fa. E quasi quattro anni dopo il voto Giunte parlamentari e parlamentari stessi discutono, dibattono, votano su chi debba essere senatore eletto nel 2018. Se ne racconta come di un ritardo nella consegna di un pacco, si accetta che, insomma, capita.

Lotito è aspirante senatore da anni, pare si possa accedere alla categoria e restarci in una sorta di lista precari. Sembrava stesse per farcela e che quindi anche Lotito capo della Lazio sarebbe presto stato tra i grandi elettori del Presidente della Repubblica. I pronostici sul voto dei suoi futuribili colleghi parlamentari davano Lotito senatore a breve. E invece no, niente seggio per Lotito.

Franchi tiratori: dire a Lotito perché Draghi intenda?

Perché niente seggio? Perché non ne aveva diritto e titolo? Non si sa, non è dato sapere, non importa, i senatori non si giudicano né proclamano da questi particolari. Si narra invece da parte di cronisti e analisti politici di come il rovesciamento dei pronostici sia la prova provata sul campo della scarsa affidabilità del Parlamento quando si tratterà di votare per il Capo dello Stato. La platea dei parlamentari votanti per il seggio a Lotito, facendosi vedere mobile e cangiante avrebbe mandato segnale politico di quanto pesano (vogliono?) quelli che vengono chiamati “franchi tiratori”.

Su Lotito senatore vicenda test per il voto del Quirinale, tutto questo viene scritto, analizzato, narrato, letto. Senza la doverosa però avvertenza e senza la necessaria contestualizzazione: nella Repubblica dei gonnellini fatti con le banane finte, insomma neanche nella mitica Repubblica delle banane (che risulterebbe al confronto seriosa) ma nella versione da avanspettacolo della mitica Repubblica delle banane.