--

Non tutti poveri i pensionati a 1.400 euro. Equità se “cumulano”?

di Lucio Fero
Pubblicato il 9 Dicembre 2011 16:10 | Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2011 16:10

ROMA – Non sono tutti poveri i pensionati a 1.400 euro al mese. E’ certamente equo proteggere dall’inflazione l’anziano che a fine mese porta a casa una pensione da 1.400 euro lordi. Ma se le pensioni sono due, una da mille e l’altra da 800 euro lordi è altrettanto equo proteggerle entrambe dall’inflazione, rivalutare tutte e due le pensioni quando il reddito reale del pensionato non è di mille e neanche di 1.400 ma di 1.800 euro lordi? Due pensioni? Succede, eccome se succede. Secondo l’Istat un terzo dei pensionati, quindi milioni di pensionati, percepiscono trattamenti plurimi, cioè più di una pensione. Un milione di pensionati percepisce tre o più assegni da enti diversi o di tipo diverso (ad esempio vecchiaia e reversibilità). I trattamenti plurimi cumulati valgono circa 70 miliardi, non sono certo eccezioni. E allora dove sta la vera equità, a quale livello di reddito reale? Tre pensioni protette per un cumulo di duemila euro devono essere tutte e tre protette dall’inflazione? Oppure, come è evidente, si rischia così di essere iniqui?

E poi spesso, molto spesso, una pensione da mille o 1.400 euro lordi è l’unico, insufficiente reddito, insufficiente per vivere. Ma non è raro il caso che una simile pensione si appoggi su un patrimonio reale più consistente. Se il pensionato da 1.400 euro lordi è proprietario di due o tre case, se dispone di altri redditi e patrimoni da investimenti finanziari? Succede. In maniera meno frequente di quanto non accada con il cumulo di più pensioni. Ma succede. E’ allora equo proteggere dall’inflazione una bassa pensione che però è solo una parte del reddito e del patrimonio reale con cui il pensionato vive? La vera equità sarebbe proteggere le pensioni basse e medie di chi solo di pensione vive. Bisognerebbe “incrociare” la situazione pensionistica con quella reddituale. Molto difficile ma, questo sì, certamente equo. E allora si potrebbe estendere la protezione anche a 1.400 euro lordi e forse di più. A condizione che sia l’unica pensione e l’unica fonte di reddito. Perchè i pensionati poveri ci sono e sono milioni ma non tutti i pensionati sono poveri pensionati.