Emanuela Orlandi. Vincenzo Calcara: Papa Francesco ti dirò tutto

di Pino Nicotri
Pubblicato il 14 Giugno 2014 8:01 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2014 10:08

Emanuela Orlandi. Vincenzo Calcara: Papa Francesco ti dirò tuttoROMA – Mistero Emanuela Orlandi: puntuale come un treno svizzero, in vista dell’anniversario della scomparsa di Emanuela è spuntato l’ennesimo “supertestimone” che si proclama depositario della verità.

Si tratta di Vincenzo Calcara, un omicida ex mafioso diventato collaboratore di giustizia, decidendo cioè di diventare un pentito. Lui però non si accontenta di snocciolare le sue “rivelazioni” a “Chi l’ha visto?” e agli inquirenti italiani, ma pretende addirittura di rifilare i suoi racconti a Papa Francesco.

Calcara infatti gli ha già inviato una lettera, scritta apposta per chiedergli un’udienza privata.

“Devo rivelare importantissimi segreti, improrogabili e urgenti”,

si legge nella lettera, che prosegue:

“La verità sul caso Orlandi è stata tenuta nascosta per anni perché rivelarla sarebbe stato come aprire una scatola e portare alla luce verità così pesanti da mettere seriamente in crisi un sistema che lega il Vaticano alle altre entità deviate”.

Con non eccessiva modestia il pentito di mafia specifica a Papa Francesco che:

Il nostro incontro deve e può cambiare il corso di certi eventi”.

E anziché suffragare le proprie affermazioni portando per esempio in dono un altro flauto “di Emanuela”, o dicendosi organizzatore della sua scomparsa più o meno consenziente come già fatto dall’”ex 007 Lupo Solitario”, al secolo Luigi Gastrini, e dal fotografo Marco Accetti, Calcara si è detto pronto a rivelare al Papa anche altri due segreti: uno di Stato e l’altro di Mafia. Quello di Mafia riguarda l’imprendibile latitante Matteo Messina Denaro.

Il fratello di Emanuela, Pietro Orlandi, ha già incontrato Calcara e in occasione della Fiera del Libro di Torino ha voluto essere lui a presentarne il volume intitolato “Dai memoriali di Vincenzo Calcara: le cinque entità rivelate a Paolo Borsellino”.

Le cinque entità sono ovviamente le solite, care a tutti i complottisti, Pietro Orlandi compreso: Mafia, ‘ndrangheta, Massoneria, Servizi segreti deviati, Chiesa. “Forze occulte” che altrettanto ovviamente “hanno da sempre deciso l’assetto politico e finanziario dell’Italia”. Insomma, nessuna novità rispetto quanto detto da Calcara nel corso dei suoi processi e detto e ridetto, senza mai troppe prove, da personaggi di vario tipo.

Nella pagina che ha creato su Facebook per chiedere la verità al Vaticano, Pietro Orlandi ha scritto:

“Io purtroppo c’ero, ho vissuto momento per momento quei giorni, ho ben chiaro quello che ha fatto e doveva fare Emanuela, e se c’è un errore o una falsità nel racconto del mio interlocutore me ne accorgo”.

Peccato se ne sia accorto sempre in ritardo, a volte di anni come con Agca o a volte di mesi come con Gastrini. Finora con Calcara non si è accorto “se c’è un errore o una falsità nel racconto”.

Qualche errore o falsità deve però esserci stata in passato per altre vicende. Dal 26 gennaio 2011 circola infatti in rete l’elenco, piuttosto impressionante, delle volte in cui Calcara è stato colto con le mani nel sacco di affermazioni e accuse smentite dalla realtà. Vediamo qualche perla:

– Sentenza 199/97 del Tribunale di Marsala: false accuse di Calcara contro l’On. Culicchia. Valigie piene di miliardi per un peso di quasi due quintali portati a spalla e mitra nell’altra, Marcinkus, Papa Luciani, Papa Giovanni Paolo II, le più alte gerarchie della Chiesa, Andreotti, Notai, Onorevoli….tutto da ridere nella tragedia dell’inferno. Tutto falso, falso, falso: Culicchia ASSOLTO.

– Sentenza 5906/97 Corte di Appello di Roma: false le accuse di Calcara contro gli impiegati della Corte di Cassazione Giuseppe Schiavone e De Carlo Mario contro gli Avvicati Alfredo Angelucci e Giacomo Pantaleo: TUTTI ASSOLTI PERCHE’ IL FATTO NON SUSSISTE.

– Sentenza 63/98 Filippo Tedesco di Alcamo ASSOLTO dalle infamenti accuse di Calcara.

– Corte di Assise di Palermo tutti gli imputati accusati da Calcara per l’omicidio del Sindaco di Castelvetrano vengono TUTTI ASSOLTI. Anni dopo verranno condannati i veri autori di quell’efferato delitto che Calcara non consceva affatto.

– ARCHIVIAZIONE per Caradonna Benito ingiustamente dal Calcara accusato, addirittura partecipando ai festeggiamenti di una elezione mai avvenuta perchè neanche candidato.

– ARCHIVIAZIONE per Verde Rosalia, Vitrano Gino e tanti altri perchè accusati falsamente.

– ASSOLUZIONE del cognato Alagna Antonino colpevole di non avergli potuto dare i soldi che gli chiedeva.

– ASSOLUZIONE di Vaccaro Gaspare, indicato come il più pericoloso killer di mafia e risultato invece totalmente estraneo da qualunque contesto criminale, colpevole, però, di non aver voluto comprare un orologio rubato che Calcara gli voleva rifilare, dicendo al fratello Calcara Francesco, cosi questi ha testimoniato, che gliele avrebbe fatta pagare. Tre anni di carcere duro al 41 bis come un volgare e lurido mafioso. ASSOLTO.

– Sentenza 1547/97 Corte di Appello di Palermo, pag 12…..”Rolevante la problematica che investe la credibilità del Calcara…..si richiede particolare prudenza nell’esame delle sue propalazioni….contraddizioni circca la sua appartenenza a cosa nostra…..tutto comunque sintetizzato cosi: Calcara è un soggetto che manifesta sfrontatamente la propria disponibilità al mendacio e l’attitudine a farsi gioco dello Stato, pur di ottenere qualche vantaggio”. pag 27 della sentenza 1547/97”.

Ciliegina sulla torta, nel corso di un processo Calcara ci ha tenuto a dichiarare che

“per prendere per fessi i giudici e i carabinieri basta soltanto un po’ di fantasia”.

Basterà anche con Papa Francesco? Vedremo.

Insomma, Pietro Orlandi pare abbia preso un altro granchio. Intanto però, “sdoganato” dal credito accordatogli a Torino in occasione della Fiera del Libro, il mafioso pentito ha annunciato felice che in piazza S. Pietro il 22 giugno, 31° anniversario della scomparsa di Emanuela, insieme con Pietro Orlandi e con i suoi fan ci sarà anche lui: per a chiedere a gran voce che il papa dica pubblicamente cosa risulta in Vaticano riguardo la fine della ragazza.

Strano modo di chiedere un’udienza privata per “rivelare la verità” sulla scomparsa di Emanuela. Ma è ancora più strano il fatto che Calcara la verità vada a chiederla in piazza al Papa quando si vanta di essere lui a saperla e a poterla rivelare allo stesso Papa.

Come che sia, questa nuova puntata del caso Orlandi rischia di mandare al macero tutti i racconti del penultimo “supertestimone”, quel Marco Accetti che a fine marzo dell’anno scorso si è auto accusato di avere organizzato lui la scomparsa di Emanuela Orlandi e, in aggiunta, anche della coetanea Mirella Gregori. Uno smacco quindi per il libro “Il ganglio” del giornalista Fabrizio Peronaci, in uscita proprio il 22 giugno e interamente basato sulle stralunate “rivelazioni” di Accetti.