Pino Nicotri

Islam, “dobbiamo ucciderli per non morire”: Feltri, il tuo odio è inutile, siamo già in guerra e…

Islam, "dobbiamo ucciderli per non morire": Feltri, odio inutile, siamo già in guerra e...

Islam, “dobbiamo ucciderli per non morire”: Feltri, il tuo odio è inutile e dannoso, siamo già in guerra e questo è il risultato, scrive Pino Nicotri. Nella Foto Vittorio Feltri, ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Così ha scritto Vittorio Feltri nel suo libro intitolato Non abbiamo abbastanza paura:

“Dobbiamo avere più paura di quella che abbiamo. Una paura così grande da trasformarsi nel coraggio di uccidere per non morire”.

Ed ecco che per aumentare la paura e spingere al “coraggio di uccidere per non morire” Feltri su Libero cavalca a briglia sciolta con un suo pezzo la inevitabile rabbia e indignazione provocate dalla recente strage di Berlino perpetrata da un islamico che – sull’esempio di quanto già avvenuto a Nizza il 14 luglio scorso – ha lanciato un TIR sulla folla di un mercato natalizio. Anche lui senza freni come chi guidava quel TIR, Feltri ricalcando quanto scritto nel suo libro infatti scrive:

“Gli assassini non sappiamo chi siano, ma siamo abbastanza dotati di  immaginazione per supporre con qualche certezza che si tratti dei soliti islamici invasati che sono venuti in Europa per mangiare a sbafo, ovviamente alle nostre spalle, poi per ringraziarci della cortese ospitalità ci massacrano perché non gradiscono la nostra millenaria civiltà. Ci odiano a morte, tanto è vero che ci ammazzano in serie, mentre noi idioti continuiamo a predicare l’ accoglienza e in effetti li accogliamo in massa, li manteniamo, li ospitiamo alla grande offrendo loro vitto e alloggio, spesso anche un lavoro, e loro ci ripagano generosamente spedendoci al cimitero”.

Il concetto dell’”uccidere per non morire” di Feltri pare modellato sull’incitamento a colpire i palestinesi lanciato dal professore israeliano Arnon Soffer, dell’Università di Haifa, incitamento riportato da The Jerusalem Post del 10 maggio 2004: “Perciò, se vogliamo restare vivi, dobbiamo uccidere, uccidere e uccidere. Tutto il giorno, ogni giorno [….]. Se non uccidiamo, cessiamo di esistere”.

Per non essere da meno, Alessandro Sallusti sul Giornale ha rincarato la dose:

“Sono tanti, sono ovunque, sono tra noi, spesso hanno le facce tranquillizzanti del vicino di casa, del giovane con il quale siamo in coda alla cassa del supermercato. Dietro quei sorrisi di circostanza ci odiano nel profondo: siamo occidentali, siamo cristiani o comunque non islamici e questo è sufficiente per ucciderci a freddo, appena abbassiamo la guardia, quando meno ce lo aspettiamo, mentre viviamo celebrando i riti della nostra civiltà, che sia una serata in discoteca, una passeggiata sul lungomare, una partita di calcio o, come ieri, lo shopping natalizio. [….] Lo abbiamo scritto e riscritto più volte, in questi anni di sangue: il problema è l’ Islam, religione violenta e incompatibile con la nostra civiltà, in nome della quale sono stati commessi nella storia e continuano a essere commessi crimini atroci. Questo è sì un problema di polizia ma è soprattutto un fatto politico del quale chi governa i nostri Stati, così come chi siede sulla cattedra di San Pietro, un giorno o l’altro dovrà prenderne atto. E agire di conseguenza”.

“Agire di conseguenza”: come? E’ evidente, anche se i due giornalisti preferiscono non dirlo con chiarezza. Non è forse in atto “lo scontro di civiltà” tra l’Occidente più o meno cristiano e “il mondo islamico” come ha scritto fin dal 2000, cioè in apertura del nuovo millennio, Samuel Huntington nel suo fortunato libro “Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale”?

E allora la ricetta suggerita implicitamente da Feltri e Sallusti è semplice e conseguente: una bella guerra preventiva, meglio se accompagnata dalla trasformazione dell’Europa in fortezza cacciando in massa i musulmani così come dalla Spagna della reconquista dei cristianissimi sovrani Ferdinando e Isabella vennero cacciati i mori.

Peccato però che i due giornalisti lanciati senza freni sul mercato dei lettori natalizi dimentichino disinvoltamente alcune cose. La prima delle quali è che l’impero austroungarico segnò la propria fine – e l’inizio della prima guerra mondiale, anticamera della seconda – quando ebbe la bella pensata di reagire militarmente alle pistolettate dello studente Gavrilo Princip che il 28 giugno 2014 uccisero l’arciduca erede al trono di Austria-Ungheria Francesco Ferdinando e la moglie Sofia in visita a Sarajevo. Ma in quanto a “coraggio di uccidere per non morire” c’è anche dell’altro e di più attuale:

1) – L’esito disastroso della “guerra preventiva” ordinata da George Bush figlio con l’invasione dell’ Iraq con la scusa fasulla della “produzione di bombe atomiche dell’Iraq di Saddam Hussein”. “Guerra preventiva” per la quale tifava in modo perfino sguaiato Giuliano Ferrara, e alla quale contribuì il falso giornalistico in cui fu coinvolto il settimanale Panorama  diretto da Carlo Rossella della “mega fornitura di uranio del Niger per le atomiche di Saddam”. Balle e guerra che hanno sulla coscienza non si sa ancora bene quante centinaia di migliaia di morti, feriti, mutilati e sfollati, ma che in Iraq, come è noto, non hanno risolto nulla. Però hanno permesso agli Stati Uniti di piazzare una grande base militare anche in Iraq…

2) – L’invasione dell’Afganistan in risposta isterica all’attentato del 2001 alle Torri Gemelle di New York. Invasione che oltre a continuare a mietere vittime civili innocenti colpite per errore dai bombardamenti Usa e Nato, ha consegnato di fatto quel Paese ai talebani e ridotto la reale sovranità del governo di Kabul alla sola capitale, e neppure tutta. L’avventura militare in Afganistan, con le enormi spese connesse, si trascina ormai da più tempo di quanto sia durata la tragedia dell’interventi militare Usa nel Vietnam.

3) – Risultato fallimentare, in tempi più recenti, anche per la “liberazione” della Libia dal “dittatore” Gheddafi grazie all’intervento non molto mascherato di Francia e Inghilterra che hanno finanziato, istruito e armato i “ribelli democratici”. “Liberazione” che ha aggravato il problema, senza risolvere nulla, se non mettere le compagnia petrolifere francesi e inglesi in una posizione meno svantaggiosa rispetto la nostra Eni.

4) – Stessa storia, col rischi di danni ancora peggiori, per l’intervento, ancora in corso, iniziato finanziando i “ribelli democratici” decisi a “liberare la Siria dalla dittatura di Assad”.

5) – L’Arabia Saudita, il Qatar, il Kuwait e altri emirati del Golfo, tutti di osservanza wahabita, cioè del peggio del peggio dell’ Islam, sono i finanziatori accertati di Bin Laden e dei suoi talebani (come è noto, assieme agli Usa) prima, poi di Al Qaeda e ora dell’Isis. Però, guarda caso, sono i principali alleati anche militari degli Usa e i loro soldi sono graditissimi in Europa per comprare di tutto un po’, compresa la Costa Smeralda  e forse non escluso il Monte dei Paschi di Siena del BelPaese di Feltri e Sallusti.

Da tutto ciò consegue che, contrariamente a quanto vogliono far credere i due giornalisti, in guerra contro fette non trascurabili del mondo islamico ci siamo, già, e da un pezzo: senza poterci assicurare anche manu militari le forniture di petrolio di qual mondo, si spegnerebbero in Europa non solo i  condizionatori d’aria, i frigoriferi, le televisioni e il traffico automobilistico, ma anche le rotative de Il Giornale e di Libero. Tanto che, a ben vedere – e consecutio temporum calendario alla mano – si potrebbe anche sostenere che gli attentati che purtroppo minacciano la sicurezza della gente pacifica in Europa, sono una risposta a una tale guerra iniziata da noi già con le crociate (e prima col dominio romano già prima della nascita dell’islam, ma tralasciamo).

Ma l’Islam è davvero una minaccia per la nostra civiltà europea e occidentale in genere? Se lo chiede anche lo studioso Franco Cardini, cattolico convinto, e fin dal titolo fornisce una risposta ragionata con il libro “”L’Islam è una minaccia” (Falso!)”.

Riguardo poi il flirt di alcuni Paesi Occidentali con l’Isis e affini Cardini li ha documentati con un altro libro esplicito fin dal titolo: “L’ipocrisia dell’Occidente. Il Califfo, il terrore e la Storia. Cardini non si sottrae neppure dal passare in rassegna le responsabilità reciproche e chi ha cominciato per primo, raccontando il tutto in un altro libro che sicuramente Sallusti e Feltri hanno letto: “Il califfato e l’Europa. Dalle crociate all’ISIS: mille anni di paci e guerre, scambi, alleanze e massacri”.  Un altro libro di Cardini che i due direttori di giornale farebbero bene a leggere onde evitare di scrivere certe cose è “Terrore e idiozia. Tutti i nostri errori nella lotta contro l’islamismo”.

Restando a tempi più recenti, due noti e coraggiosi inviati di guerra, Mimmo Lombezzi ed Ennio Remondino, hanno inviato a Feltri e Sallusti la seguente lettera aperta, semplice e condivisibile:

“Ricordiamo a entrambi che la strage di Srebrenica, il più spaventoso massacro commesso in Europa dopo la seconda guerra mondiale (8.000 civili, dai 14 ai 75 anni , fucilati in pochi giorni) venne commesso da Serbi ortodossi, cioè da Cristiani , ma nessuno ebbe l’ardire di titolare : “BASTARDI CRISTIANI” e nemmeno di evocare altri orrori commessi in nome di Cristo, perché era evidente che i crimini da una minoranza in nome di una identità religiosa non avevano nulla a che fare con la comunità dei credenti cristiani.
Alla domanda del Corriere “Che cosa può fare l’Occidente ?” Joby Warrick risponde : «Penso che dobbiamo fare in modo di tenere i concittadini musulmani dalla nostra parte. La nostra risposta deve essere determinata ma precisa , bisogna evitare di far sentire i musulmani come dei cittadini diversi o sospetti».
Bene, quando accadono fatti come la “rivolta di Gorino” (contro 8 mamme), l ‘omicidio di Fermo ( il rifugiato nigeriano ucciso a pugni dopo che aveva reagito quando sua moglie era stata apostrofata come “SCIMMIA”… ), o le spedizioni per versare sterco di maiale davanti alle moschee, occorre chiedersi se dietro questi fatti non ci siano dei mandanti morali, se le parole di odio seminate quotidianamente, contro intere comunità etniche o religiose non diventino , presto o tardi barricate, pugni, pietre o coltelli.
Noi che abbiamo raccontato le guerre balcaniche sappiamo che questa ‘mutazione’ esplosiva è assai facile e che nella ex-Yugoslavia i cosidetti “scrittori incendiari” (come Cosic.. ) furono , insieme alla tv, la miccia che l’ha innescata”.

 

To Top