Milano ostaggio della Procura? Bassetti: “La politica non può essere subordinata alla giustizia”. Dopo 3 anni e 3 giudici Sala chiede tempi rapidi

di Giuseppe Turani
Pubblicato il 19 dicembre 2016 6:40 | Ultimo aggiornamento: 18 dicembre 2016 23:53
Milano ostaggio della Procura? Bassetti: "La politica non può essere subordinata alla giustizia". Dopo 3 anni e 3 giudici Sala chiede tempi rapidi

Milano ostaggio della Procura? si chiede Giuseppe Turani (nella foto). Piero Bassetti risponde: “La politica non può essere subordinata alla giustizia”. Dopo 3 anni e 3 giudici Sala chiede tempi rapidi

Beppe Sala, sindaco di Milano, dopo 3 anni e 3 magistrati, chiede ai giudici: decidete in fretta ma la Procura replica: troppe carte, tempi lunghi. Come possano accordarsi politica e giustizia è il tema di questo articolo di Giuseppe Turani, pubblicato anche su Uomini & Business. Sala vuole che la Procura decida in fretta sul suo caso, nel silenzio di tutti tranne Piero Bassetti, che tocca il nodo centrale: la politica non può essere subordinata alla giustizia.

 L’intero mondo, praticamente, sta premendo sul sindaco di Milano Beppe Sala perché rinunci alla sua autosospensione e riprenda al più presto il suo posto di lavoro a palazzo Marino. Raffinati giuristi si sono fatti in quattro per spiegare che l’autosospensione non esiste, cosa evidente e nota sin dal primo momento). Infatti Sala è andato a consegnare la sua autosospensione nelle mani del prefetto di Miano, ma solo per sentirsi dire che essa non poteva essere ricevuta: non esiste.

L’unica voce autorevole che si è alzata a suo favore e con argomenti non libreschi, è quella di Piero Bassetti: “Da Sala una provocazione, la politica non può essere subordinata alla giustizia”.

Bassetti, per chi non fosse di Milano o avesse la memoria corta, non è uno qualsiasi. Ex deputato della Dc si è dimesso volontariamente e ha lasciato la politica, è stato il primo presidente della Regione Lombardia. Ma è stato anche il primo a rendere possibile la candidatura a sindaco di Giuliano Pisapia e poi dello stesso Beppe Sala.

E’ uno degli ultimi rappresentanti di quella buona borghesia che una volta aveva fatto grande Milano. E giustifica la scelta di Sala per quello che è: una provocazione, una protesta contro la magistratura che pretende di dettare i tempi della vita politica.

Bassetti, di solito persona molto misurata e molto attenta, questa volta picchia pesante: “Indipendentemente dal giudizio di merito e senza entrare nel tema della colpevolezza o meno di Sala, dato che sono convinto a priori della sua buona fede, non bisogna scordarsi che come in tutte le cose esiste un codice di guerra e un codice di pace. Ci sono dei comportamenti diversi a seconda dei casi. Il gesto di Sala può suscitare delle perplessità sul fronte amministrativo perché rischia di bloccare a priori l’attività del Comune. Bisogna riconoscere, però, che il suo gesto ha una preziosa funzione di provocazione”.

E ancora: “Una classe politica non può governare se è subordinata a un potere come quello giudiziario, che qualche volta è discrezionale. Non ci deve essere un livello di giudizio politico affidato all’ordine giudiziario. La vita amministrativa è regolata da alcuni tempi. L’Expo, ad esempio, doveva aprire il primo maggio 2015. La vita giudiziaria, invece, non lo è”.

Le dichiarazione di Piero Bassetti dovrebbero chiudere la polemica. E aprire semmai, quando ci sarà tempo e voglia, un confronto sui modi di funzionamento della magistratura. Quasi sempre troppo lenta, spesso fuori luogo: non si contano le carriere politiche distrutte o bloccate per processi che poi si sono risolti in niente o sono stati giudicati sbagliati, da rifare da capo a piedi.

E’ evidente che a questo punto Beppe Sala riprenderà lunedì, o dopo Natale, le sue funzioni. A meno che non insista nel suo atteggiamento nel pretendere dalla procura un esame rapido delle questioni che gli vengono imputate. A palazzo di Giustizia dicono che ci sono tante carte da esaminare e che serve tempo. Solo che il caso risale al 2013 e quelle stesse carte sono state esaminate a lungo da ben tre magistrati, che hanno detto che era tutto da archiviare: incapaci di leggere, di intendere e volere?

Insomma, il senso della provocazione di Sala è abbastanza chiaro a questo punto: chiarire che i magistrati non possono tenere per anni un amministratore pubblico in stand-by. E che lo stesso, comunque, non può lavorare se su di lui pesa l’ombra di comportamenti scorretti, con stampa e opposizione che danno per scontata la colpevolezza.

Quello che non è chiaro è fin dove intenda spingersi. Forse il caso Milano non si chiuderà tanto presto. E la mattonata della procura, che ha voluto riaprire un caso già chiuso, potrebbe tornare indietro, verso la stessa procura che l’ha lanciata.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other