Scuole chiuse per…inverno! Follia Messina: stop una settimana, 13 gradi

di Riccardo Galli
Pubblicato il 13 gennaio 2017 14:41 | Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2017 14:47
Scuole chiuse per...inverno! Follia Messina: stop una settimana, 13 gradi

Scuole chiuse per…inverno! Follia Messina: stop una settimana, 13 gradi (foto d’archivio)

ROMA – Scuole chiuse per…inverno! Inverno e solo inverno, non c’è altro in giro. Nonostante i notiziari di ogni taglia e colore altro non sappiano che recitare la giaculatoria “Italia nella morsa del gelo”, è soltanto e semplicemente inverno, quello che arriva ogni anno. Se c’è un’emergenza, non è l’emergenza gelo ma quella della spina dorsale e della stessa tenuta mentale del paese. Il problema sempre più grave è l’Italia, non il meteo. Anormale è il paese, non il tempo.

Anormale e in certa misura perso, perduto è un paese dove si chiudono le scuole perché è inverno. Qualunque autorità (Comune, sindaco, Municipio, Ministero, preside, comitato mamme…) prenda e avalli la scelta e la decisione di chiudere le scuole perché fa freddo è un’autorità che predica e pratica la resa, l’abdicazione, la fuga dalle responsabilità, un eterno otto settembre civile. Le scuole quando fa freddo non si chiudono, si riscaldano! E qualunque comunità che abbia rispetto e cura di se stessa sa come farlo e provvede a riscaldarle le scuole.

Qua e là per l’Italia invece istituzioni varie lanciano il segnale “abbandonare la nave” quando sarebbe loro dovere fare il contrario. Si legge di termosifoni accesi in ritardo o per troppo poco tempo…Scuse, alibi. Se ci sono termosifoni così ci deve essere anche qualcuno che tardi li ha accesi o spenti troppo presto. Dovere dei responsabili (ma esistono?) è rintracciare, individuare quelle persone in carne e ossa e fare accendere il giusto e il dovuto i termosifoni nelle scuole. Ma nel paese dove prendersi una responsabilità è sinonimo di essere fessi, molto più comodo è proclamare il “Tutti a casa”.

Tutti a casa, così le autorità non rischiano, hai visto mai qualche alunno prende una febbre e qualche genitore fa causa? Tutti a casa, così i sindaci e i consigli comunali stanno al riparo da malumori e proteste. Tutti a casa, alunni contenti e famiglie rassicurate (e anche prof e personale amministrativo mica contrario, anzi…). Tutti a casa, in fondo si perdono giorni di scuola. Nella considerazione media e diffusa valore sociale del perduto (giorni di scuola) pari a zero o giù di lì.

La follia, l’acme dei tutti a casa si raggiunge a Messina dove il sindaco ha chiuso per una settimana (ma sì, abbondare, non facciamo vedere di avere il braccino corto) ben 38 istituti scolastici. Una settimana scuole chiuse a Messina. Ondata di gelo come nel Nord Finlandia? No, trionfante e grottesco fuggire da ogni responsabilità e dovere civico e civile: a Messina dove chiudono per una settimana 38 scuole il termometro segna oggi 13 gennaio 13 gradi centigradi.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other