Pinotti ebbra, ottimismo renziano: “Questa Turchia europea”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Dicembre 2015 14:38 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2015 14:49
Pinotti ebbra, ottimismo renziano: "Questa Turchia europea"

Roberta Pinotti (foto LaPresse)

Lo ha notato Beppe Severgnini sul Corriere della Sera: Roberta Pinotti ministro della Difesa vede e narra qualcosa che non c’è, una Turchia, questa Turchia, “opportunità” per farla entrare nella Unione Europea.

Il miraggio, speriamo solo verbale, cui indulge il ministro della Difesa italiana, le appare nelle ore in cui Erdogan per ripicca e forse per coda di paglia incendiata lancia l’improbabile accusa che sia la Russia di Putin a trafficare con il petrolio contrabbandato da Isis. Geografia e storia alla mano, fatto e notizie alla mente, è il bue che dice cornuto all’asino.

Il miraggio di “una nuova opportunità”, qui e adesso, per far entrare la Turchia nella Ue colpisce il ministro Pinotti dopo un rosario di fatti su cui il ministro sorvola. La Turchia autostrada andata e ritorno per i combattenti Isis da Europa a Siria e viceversa. I soldati turchi spettatori, anche un po’ tifosi, del massacro di curdi a Kobane. L’aviazione turca che bombarda e macella curdi nemici di Isis e poco o nulla bombarda Isis. L’aereo russo abbattuto dai turchi mentre bombardava Isis, abbattimento voluto e difeso come orgoglio nazionale.

Pinotti non vede il rosario, sorvola, vede “opportunità”. Per una Turchia europea. Europeo uno Stato che chiude e sequestra giornali, reprime col carcere il dissenso, marcia con foga verso una religione di Stato? La Carta dei principi europei, ministro Pinotti, da decenni non combacia e sempre meno si attaglia alla Turchia che c’è, quella vera e non quella immaginaria. Una Turchia, quella d’oggi, quella di Erdogan, che non nasconde la sua affinità in nome della fede sunnita, con l’Arabia Saudita. Quell’Arabia Saudita che celebra decapitazioni di Stato in piazza, la chop-chop-square. Decapitazioni per adulterio, omosessualità, blasfemia, apostasia. Cioè se uno cambia religione gli tagliano la testa. Ma almeno con l’Arabia Saudita se facciamo affari non la dichiariamo europea, neanche ce lo sogniamo.

Invece la Pinotti vede il regime di Erdogan compatibile con l’Europa, segnala la “nuova opportunità”. Un tale abbaglio non può che essere effetto collaterale del peggior difetto del “renzismo”, l’ottimismo ad ogni costo, l’ottimismo con sprezzo del ridicolo, l’ottimismo caramelloso, l’ottimista talmente ottimista che ti senti un po’ preso per i fondelli. Fino a che ebbro di questo ottimismo è il Renzi che comizia delle magnifiche e progressive sorti dell’Italia, poco male…Ma quando un ministro della Difesa si inebria e si fa ebbra di ottimismo nei conflitti internazionali, allora è pericoloso, proprio pericoloso.