Il Giro d’Italia non deve partire da Israele che nega i diritti umani: appello internazionale

di Sergio Cofferati
Pubblicato il 17 febbraio 2018 6:59 | Ultimo aggiornamento: 17 febbraio 2018 2:03
Il Giro d'Italia non deve partire da Israele che nega i diritti umani: appello internazionale

Il Giro d’Italia non deve partire da Israele che nega i diritti umani: appello internazionale

ROMA – Il Giro d’Italia non deve partire da Israele, come ha deciso l’organizzatore, la Rcs Media Group, editore della Gazzetta dello Sport oltre che del Corriere della Sera. Nega i diritti umani, occupa militarmente territori che non le appartengono, è teatro di continue violazioni del diritto internazionale.

Sono tra i firmatari, insieme a altri europarlamentari come Eleonora Forenza e Curzio Maltese, e a Luisa Morgantini, ex vicepresidente del Parlamento Europeo, dell’appello internazionale che invita RCS MediaGroup, organizzatore del Giro d’Italia, a spostare la sua “Grande Partenza” del 2018 da Israele, a causa delle sue gravi e crescenti violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani dei palestinesi.

All’appello hanno aderito oltre centoventi organizzazioni per i diritti umani, sindacati, associazioni per il turismo etico, gruppi sportivi e religiosi provenienti da oltre 20 Paesi.

Fare svolgere il “Giro d’Italia” in Israele mentre continua l’occupazione militare e la discriminazione contro i palestinesi sarebbe una scelta profondamente sbagliata. Inoltre, gli organizzatori del Giro stanno ingannevolmente presentando Gerusalemme est, che è sottoposta da 50 anni all’occupazione militare israeliana, come se facesse parte dello Stato di Israele e fosse la sua capitale unificata. La tappa finale, prevista nel sud di Israele, passerebbe vicino a decine di villaggi di beduini palestinesi che Israele si rifiuta di riconoscere e a cui non fornisce servizi fondamentali.

La scelta di far partire il giro d’Italia 2018 da Israele, in un momento in cui lo Stato Israeliano continua a negare i diritti umani fondamentali dei palestinesi e prosegue in una politica illegale di difesa e ampliamento degli insediamenti in territorio palestinese, rappresenterebbe una decisione profondamente sbagliata, contraria ai messaggi di pace, solidarietà e fratellanza che lo sport dovrebbe sempre dare.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other