Sicilia numeri positivi nascosti. Dove la sorpresa?

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Marzo 2021 8:56 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2021 8:56
Sicilia numeri positivi nascosti. Dove la sorpresa?

Sicilia numeri positivi nascosti. Dove la sorpresa? (Foto d’archivio)

Sicilia, indagine su “scellerato piano criminoso” come dice il magistrato. Indagine e arresti e dimissioni sulla pratica della Regione di “spalmare i morti” e nascondere i contagi per non andare in Zona Rossa. Sorpresa, sgomento? Le Regioni lo avevano detto ufficialmente e apertamente che “per evitare penalizzazioni” avrebbero fatto la qualunque. Alla possibilità di una soglia (250 contagi su 100mila abitanti) automatica che facesse scattare le misure anti contagio e quindi le limitazioni di attività, le Regioni fecero sapere che in quel caso avrebbero fatto meno tamponi per trovare meno contagi. Insomma comunicarono che, se messe in tentazione, avrebbero imbrogliato.

Questa è la fibra della nostra cittadinanza: restrizioni sanitarie a tutela della salute vissute come penalità da evitare e dati sulla pandemia eventualmente da nascondere o truccare in nome della suprema missione di tenere aperte botteghe, ristoranti. Magari chiudendo scuole per manifesta inutilità della scuola e chiudendo ospedali per tutto esaurito. La Sicilia, il suo Assessorato, la storia che viene dalla Sicilia è solo la più sfacciata, ma non è una storia siciliana, è una storia italiana.