Silvia Cirocchi

Al vasto repertorio di Beppe Grillo possiamo aggiungere le bestemmie

bestemmia-grillo

La bestemmia, poi rimossa, sul blog di Beppe Grillo

Nessuno vuole fare facili e bigotti moralismi, ma è indubbio che un leader (anche se oramai col titolo onorario) di un Movimento politico non può cadere per uno scivolone simile.

Un post di Beppe Grillo appare sul suo blog e sui social col titolo “Grazie a tutti, e forse anche a Dio”. Fin qui tutto ok se non fosse per il fatto che all’interno del post, solo per pochi minuti, è apparsa tra parentesi una bestemmia (Dio c…”). Ovviamente il bersaglio dell’articolo era l’approvazione del Rosatellum, infatti il guro grillino scrive: “Ciò che conta è stare uniti, vicini vicini: la loffia perfetta ahahha! Oggi è un grande giorno. La pace più insperata è stata re-instaurata, l’amore cade come una pioggerella sottile, mondando nuovi e vecchi rancori, anzi, trionfando sui più antichi risentimenti. Oggi è il giorno dell’unione fraterna tra i più lontani fra tutti i rappresentanti del popolo. Il Paese aspettava da anni questo squarcio fra le nubi cupe dell’incomprensione, ed ecco spuntare un etere cristallino, la democrazia è salva. Il Parlamento ha ritrovato la sua unione e compattezza, unica garanzia per il perseguimento dell’alto (altro) fine cui è preposto.”

Attacca i partiti che hanno votato la legge “Così si realizza l’impossibile, così oggi è divenuto realtà. Forze politiche da sempre avverse si sono unite, concentrando tutti i loro sforzi e le loro capacità di mediazione, per raggiungere un obiettivo primario e realizzare la volontà dei cittadini.” E conclude con un laconico e irritato “Noi, oggi, siamo fieri di essere italiani. Grazie a tutti, e forse anche a Dio.”

Quello che però il Movimento Cinque Stelle non racconta è che la loro paura è una e una sola. Quella di non tornare in Parlamento. Perché è indubbio che questa legge non favorisce chi decide di non entrare in coalizione, e visto che i grillini sono perfetti e non si possono macchiare con gli altri partiti faranno un favore a tutti togliendo il disturbo.

To Top