Ecco come Berlusconi prepara lo sgambetto a Salvini: nei piccoli comuni…

di Silvia Cirocchi
Pubblicato il 29 novembre 2017 16:54 | Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2017 16:54
Berlusconi-sgambetto-Salvini

Ecco come Berlusconi prepara lo sgambetto a Salvini: nei piccoli comuni…

ROMA – Matteo Salvini scalpita, non gli va proprio giù l’ultima uscita di Silvio Berlusconi su Gallitelli.

“A Berlusconi chiedo serietà. Un’alleanza c’è se c’è serietà. Non puoi candidare Marchionne, Montezemolo, Draghi, Tajani o Gallitelli… Non stiamo facendo la squadra del Milan. Dalla prossima settimana inizierò a chiedere agli altri due (Berlusconi e Meloni) di vederci; serve un programma comune e un gioco di squadra”.

Dal canto suo il presidente di Forza Italia non replica, ma secondo i suoi collaboratori Berlusconi sta lavorando ad un piano per far aumentare i voti azzurri, cercando addirittura di portarli via alla Lega.

Partendo proprio da Il nuovo centro, in fase di organizzazione da affiancare agli alleati storici, e ora pensa a quella che potrebbe diventare la quinta gamba del centrodestra, composta da laici riformisti radicati sul territorio.

L’idea sarebbe quella di intercettare gli elettori delle liste civiche, amministratori di 6156 comuni su 7979, una percentuale che sfiora quasi l’80%.

Il ragionamento di Berlusconi si basa sul fatto che rispetto alle elezioni politiche e regionali, alle comunali vota oltre il 70% degli italiani, mentre nei primi casi i numeri si abbassano di 10-15 punti. La domanda che si pone il leader di FI è come si possano recuperare questi voti indirizzandoli appunto verso l’area moderata?

Il potenziale degli indecisi è attualmente stimato intorno all’1,2% ma, sempre secondo le parole di Berlusconi ai suoi, potrebbe salire fino al 3%, tradotto in deputati, 9-10 in più. Comune per comune il territorio deve essere battuto per trovare facce nuove di amministratori comunali che possano portare i cittadini alle urne.

Berlusconi ha indicato l’ex sindaco di Pietrasanta in Versilia, Massimo Mallegni, responsabile FI per le Liste civiche, di individuare tutte le liste civiche a cui poter ridare una dignità politica, nel centrodestra e vicino a Fi.

“Il cittadino premia il civismo perché vede la politica dei partiti nazionali lontana dal cancello di casa. Su input del presidente Berlusconi ho iniziato a lavorare al progetto per non disperdere preziose esperienze maturate in un rapporto diretto con il cittadino. Sono come un manovale, uno spazzino che raccoglie le briciole, poi tutto sarà presentato agli organismi nazionali del partito. Nel 2006 abbiamo perso per 25mila voti, stavolta non possiamo disperdere nulla”. Così dichiara Mallegni interpellato sull’incarico ricevuto.

Insomma Berlusconi non sembra cedere il passo allo scalpitante Salvini e si prepara ad essere ancora protagonista.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other