Luigi Di Maio riesce a farsi umiliare anche dalla Boschi

di Silvia Cirocchi
Pubblicato il 25 ottobre 2017 17:04 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2017 17:04
di-maio-boschi

Luigi Di Maio riesce a farsi umiliare anche dalla Boschi

ROMA – Non dovrebbe essere facile, ma Luigi Maio è riuscito in un’impresa davvero complicata: farsi prendere in giro pubblicamente da Maria Elena Boschi.

«Mi accusa con argomenti fasulli che smonterò personalmente in pubblico appena si deciderà di accettare il confronto». E così la sottosegretaria dal salotto RAI di Porta a Porta lancia il guanto di sfida al candidato premier del Movimento Cinque Stelle.

Ovviamente davanti alla faccia compiaciuto di Bruno Vespa che prende la palla al balzo e si offre di ospitare nella sua trasmissione il confronto. «Aguzzina dei risparmiatori e responsabile di un decreto salva banche che li ha messi sul lastrico», queste le accuse che Di Maio lancia alla Boschi…ma la risposta alla sfida si fa attendere e la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio ironizza sui motivi del ritardo affossando il giovane di belle speranze del M5S:

«Perché quando ho fatto la proposta la Casaleggio e Associati era chiusa, hanno bisogno di tempo per scrivere la risposta, non decide lui da solo». Terminate forse le consultazioni Di Maio scioglie le riserve e accetta la sfida, ma a determinate condizioni (un po’ come si fa quando si cerca delle scuse per evitare il confronto), due in particolare: «Che si svolga dopo il 5 novembre perché adesso sono impegnato in Sicilia a mandare a casa gli impresentabili di Musumeci e di Micari e che il confronto sia magari all’americana, in una piazza davanti a Banca Etruria con i risparmiatori, così avrà modo di dire anche a loro la verità». La Boschi prontamente prima risponde su Facebook alle accuse di “favoreggiamento alle banche” quando era ministro, «Mio padre è stato commissariato dal nostro governo, la banca non è stata salvata ma messa in risoluzione: esattamente il contrario di ciò che dice Di Maio». Su Twitter invece cinguetta rispondendo al candidato premier grillino: «Caro Di Maio, perché hai paura di affrontarmi davanti a qualche milione di italiani? Porta a Porta ci aspetta dacci la data».

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other