Silvia Cirocchi

M5S, patologia del sonno…spesso ci casca

m5s-gionata-ciappina

M5S, patologia del sonno…spesso ci casca

ROMA – Il 20 maggio 2015 un carabiniere viene condannato dal Tribunale militare di Napoli a due mesi di reclusione per violata consegna e abbandono di posto aggravato in concorso. Lui ed un altro suo collega, entrambi appuntati dell’Arma, nella notte tra il 12 e il 13 aprile 2013, avevano lasciato il posto di blocco e il pattugliamento violando gli ordini mentre erano in servizio presso la tenenza di Mascalucia, nella provincia catanese. Quando la mattina seguente un collega vede i carabinieri dormire in caserma chiede delucidazioni e per tutta risposta si sente rispondere: “Il capo equipaggio aveva sonno e mi ha detto di rientrare”. Al processo gli avvocati difensori tenteranno di giustificare il loro cliente dicendo che soffre di una particolare “patologia del sonno”. Non solo non verrà accettata la linea difensiva, ma, secondo il Tribunale, “il reato ha avuto ad oggetto condotte plurime e reiterate”. Entrambi ottengono la sospensione condizionale e la non menzione, la sentenza verrà confermata nel maggio 2016 in appello.

Uno dei due carabinieri in questione si chiama Gionata Ciappina, 43 anni di Catania. Ai più il suo nome dirà poco e nulla, all’allegra comitiva del Movimento Cinque Stelle siciliano guidata da Giancarlo Cancelleri forse sì. La cosa davvero esilarante e che la premiata ditta Di Maio-Cancelleri telefona al carabiniere in questione chiedendo delucidazioni dopo essersi domandati cadendo dalle nuvole: “Abbiamo anche noi un condannato in lista?”, e per tutta risposta riceve come giustificazione da Ciappina un semplice: “Giuro di ricordami che si trattasse solo di una semplice multa”.

Ma i grillini non possono permettersi ulteriori pessime figure (credo che abbiamo raggiunto il record in questa campagna elettorale) e mettono alla porta il candidato: “La condanna lieve e di 2 mesi che ha ricevuto Ciappina dal tribunale militare, per un reato militare, prevedeva la non menzione nel casellario giudiziale per questo non potevamo saperlo e lui non ci ha informato – scrive Cancelleri in una nota – Ciappina ci ha mentito ed è fuori dal Movimento Cinque Stelle che non fa sconti neppure su una condanna lieve di due mesi del tribunale militare”.

Quindi i grillini vogliono farci credere di essere presentabili, ma continuando così tra un po’ non ci crederanno più nemmeno loro.

To Top