Colin Firth, il pm: “La moglie Livia Giuggioli viveva nel terrore per colpa dell’ex amante Marco Brancaccia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 maggio 2018 6:00 | Ultimo aggiornamento: 4 maggio 2018 18:05
Colin Firth, il pm: "La moglie Livia Giuggioli viveva nel terrore per colpa dell'ex amante Marco Brancaccia" (foto Ansa)

Colin Firth, il pm: “La moglie Livia Giuggioli viveva nel terrore per colpa dell’ex amante Marco Brancaccia” (foto Ansa)

ROMA – Livia Giuggioli, moglie di Colin Firth, “viveva nel terrore” quando l’ex amante Marco Brancaccia ha iniziato a perseguitarla, secondo quanto sostenuto dal PM Maria Monteleone.

La Giuggioli, 48 anni, ha avuto una storia d’amore segreta con il giornalista Brancaccia, nel periodo in cui con Colin Firth erano temporaneamente separati.
Quando nel 2016 la relazione è finita, ha accusato l’amante 55enne di una serie di molestie. La polizia italiana sta indagando sul giornalista che rischia fino a 5 anni di carcere, scrive il Daily Mail.
Fonti del tribunale, affermano che ci sono prove sufficienti per portare in giudizio Brancaccia. Il PM Maria Monteleone ha dichiarato: “Ci sono prove di stalking contro la vittima sotto forma di messaggi ed e-mail. Era molto spaventata e le azioni persecutorie erano serie. A causa dei messaggi ha dovuto cambiare stile di vita. Ha presentato una denuncia al tribunale di Roma e abbiamo recuperato del materiale dalla casa dell’imputato”, scrive il Daily Mail.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

Sembra che Brancaccia abbia perseguitato la Giuggioli con minacce di telefoniche e messaggi, Colin Firth è entrato in allarme quando il giornalista gli ha inviato delle foto via mail.
I due si sarebbero scambiati dei messaggi, l’attore avrebbe scritto al suo rivale in amore: “Mi hai fatto soffrire ma so che anche tu stai soffrendo”.
La polizia avrebbe sequestrato computer e telefono di Brancaccia che lavora all’agenzia Ansa ed era un’amico d’infanzia della Giuggioli.
Alcune voci sostengono che il giornalista abbia iniziato a molestare la moglie del premio Oscar, con cui è sposata da più di 20 anni, poiché non accettava l’idea di essere tagliato fuori dalla sua vita e minacciato di scrivere articoli compromettenti sulla coppia, secondo il quotidiano la Repubblica.
Brancaccia, accusato di stalking, a luglio dovrà comparire dinanzi al GUP per l’udienza preliminare.