Coronavirus, Franco Trentalance: “Non ho rapporti da dieci giorni. Ma domenica sera festeggio a modo mio…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Marzo 2020 15:47 | Ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2020 15:47
Coronavirus, Franco Trentalance: "Non ho rapporti da dieci giorni. Ma domenica sera festeggio a modo mio..."

Coronavirus, Franco Trentalance: “Non ho rapporti da dieci giorni. Ma domenica sera festeggio a modo mio…” (foto ANSA)

ROMA – L’attore di film per adulti Franco Trentalance è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Sul se**o ai tempi del Coronavirus. “Sono 10 giorni esatti che non lo faccio. Stanno girando un film documentario sulla mia carriera quindi sono molto impegnato. C’è una troupe tutta maschile, per non indurmi in tentazione. Però ho già in programma una serata. Domenica ce l’ho libera, quindi festeggerò l’8 marzo con una donna che merita. Ho alcune amiche top e quindi meritano sempre di essere incontrate ed amate. Boom del dating? Personalmente mi stanno scrivendo un po’ di più rispetto al solito, il punto è che ci sono un sacco di profili fasulli. Da un lato mi diverto a smascherarli, dall’altro lato dico che palle”.

“C’è una dicotomia nella società – aggiunge Trentalance -. Da un lato siamo più bacchettoni rispetto ai testi delle canzoni e ai film, dall’altro lato c’è una facilità di fruizione dei contenuti a luci rosse con un semplice clic. La sintesi di questa contraddizione è Instagram. Una bella ragazza che fa intravedere le chiappe e mezzo seno fa il boom di like e follower, siamo tornati agli anni ’60 con Playb0y. Da un lato il p*rno estremo fruibile a tutti e parallelamente mezzo seno di una ragazza che ti fa fare tipo Fantozzi con la lingua di fuori. Per quanto riguarda il virus, ieri avevo un pizzico di tosse, siamo andati in un parco dove vado a fare trekking e mi è passata completamente la tosse tutta la giornata. Nessuno dice che la qualità dell’aria può fare la differenza, magari anche rispetto a questo virus”.

Riguardo il suo tour teatrale. “Facciamo date a spizzichi e bocconi perché i gestori dei teatri sono un po’ bigotti e a volte si spaventano quando leggono il mio nome. Non è uno spettacolo a luci rosse, è uno spettacolo che parla di se**o. Il se**o richiede una grande elasticità mentale perché prevede allo stesso tempo un po’ di egosimo e un po’ di altruismo, devi essere dinamico e attivo, ma anche calmo e rilassato. Richiede tante doti in contrasto tra loro e saperle gestire migliora l’individuo. Questo il senso dello spettacolo”. (fonte RADIO CUSANO CAMPUS)