Daniela Martani: “Pastori sardi? Cambino lavoro, mungere è violenza sugli animali”

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 Febbraio 2019 12:16 | Ultimo aggiornamento: 13 Febbraio 2019 12:16
Daniela Martani: "Pastori sardi? Cambino lavoro, mungere è violenza sugli animali"

Daniela Martani: “Pastori sardi? Cambino lavoro, mungere è violenza sugli animali”

ROMA – “I pastori sardi? Cambino lavoro: mungere è violenza sugli animali”. Ne è convinta Daniela Martani, ex concorrente del Grande Fratello oggi nota come nazi-vegana. Ai microfoni della Zanzara, in onda su Radio 24, la ex hostess di Alitalia commenta così le proteste dei pastori in Sardegna per il prezzo del latte. 

“Il mondo va avanti – sostiene Martani – La gente consuma sempre più latte vegetale. Il latte vaccino che deriva dagli animali va scomparendo. E’ l’evoluzione. E’ come quelli che vendevano i dischi al vinile”. E ancora: “Mungere il latte è un atto di violenza. Si tratta di sottrarre neonati alle madri. E’ violenza, un atto violentissimo. La produzione industriale del latte con gli animali che vengono mandati al macello è un atto criminale. I pastori aprissero un’azienda agricola e coltivassero delle zucchine”.

Un consiglio ai pastori che si battono per un aumento del prezzo del latte? “Trovassero un altro mestiere. E’ successo per i casellanti autostradali quando hanno introdotto le casse automatiche e le macchine, lo facessero anche loro”. “I formaggi – dice ancora – non vanno mangiati. Non è un alimento adatto agli esseri umani. Il latte vaccino è un alimento che non va bene per l’uomo. Ogni specie deve bere il suo latte, il vitello quello di mucca e noi quello della madre…Sulle confezioni dei formaggi va messa la scritta come sulle sigarette che nuoce gravemente alla salute. E pure sui formaggi. Non si capisce perché per mangiare la chianina dobbiamo schiavizzare, rinchiudere e ammazzare degli animali”.

Cruciani le porta l’esempio di Cremonini, patron di Chef Express e altri marchi noti come Montana e Manzotin. “Uno sfruttatore – secondo Daniela Martani – che si è arricchito con la morte e il massacro di animali. Fa mangiare tanti italiani? E chissenefrega, anche i produttori di armi danno lavoro ma vendono strumenti di morte”.

Tra un cacciatore e un animale, la nazi-vegana non ha dubbi: salverebbe il primo: “Chissenefrega, i cacciatori sono esseri ignobili e vigliacchi. Senza il fucile sarebbero omuncoli, poveracci che non hanno soddisfazioni nella vita e vanno a sparare. Sono malati di mente, hanno problemi mentali. Molti uomini per supplire a problemi sessuali comprano i macchinoni, i cacciatori comprano i fucili”.

Potresti stare con uno che mangia la carne? “No, puzza di cadavere. L’odore cambia se sei vegano o no. Sono stata recentemente con un uomo, ma l’ho convertito subito. Ha cominciato subito a mangiare vegano, se vuoi stare con me devi mangiare vegano”.