Daniela Martani: “Subisco stalking su Facebook. Zuckerberg è un criminale”

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 febbraio 2018 6:00 | Ultimo aggiornamento: 2 febbraio 2018 14:04
Daniela Martani se la prende con Facebook e Mark Zuckerberg

Daniela Martani (Foto Facebook)

ROMA – Torna a parlare Daniela Martani, ex hostess Alitalia ed ex concorrente del Grande Fratello, oggi vegana e animalista convinta e combattiva: “Matteo Salvini si scandalizza per il presunto assassino della ragazza che è stata fatta a pezzi, ma dei 114 morti dall’inizio della caccia non dice niente”. E su Facebook: “Subisco stakling. Zuckerberg è un criminale. Se non lo sa gestire, Facebook deve chiudere”.

Martani è intervenuta ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

La pasionaria veg si è scagliata contro Facebook: “Dirò una cosa molto forte. Zuckerberg è un criminale. Ha creato un mostro che non sa gestire. Una cloaca di malati mentali popolano il social network. Formano gruppi antivegani, creano pagine,  account fake, sono dei vigliacchi e dei dementi, popolano questi gruppi in cui prendono quello che scriviamo e lo pubblicano nelle loro pagine per aizzare l’odio contro di noi. Se sto vivendo un incubo? Sì, perché Facebook non tutela chi come me subisce stalking e molestie. Hanno messo addirittura sulle loro pagine il mio indirizzo di casa. Si mettono d’accordo e tutti insieme segnalano i post. Facebook mi ha bannato perché ho scritto la parola ‘analfabetismo’. Siamo a un livello di violenza assoluta. Dovrebbe essere obbligatorio fornire il documento di identità quando ti iscrivi su Facebook. Così nessuno potrà più creare account fake. Facebook deve chiudere se chi l’ha fondato non lo riesce a gestire”.

Daniela Martani, poi, ha parlato delle 114 vittime che ci sono state dall’inizio della caccia: “Questi sono assassini legalizzati. Salvini si indigna per il presunto assassino di quella povera ragazza che è stata fatta a pezzi, non fa altro che spendersi nell’accusare gli immigrati, però non dice niente sulla caccia, perché la maggior parte dei suoi elettori sono cacciatori. Ci sono state tantissime morti a causa della caccia e lui non dice niente. Ci si scandalizza per una persona che commette un delitto atroce, però poi il politico di turno che viene eletto dai cacciatori, assassini legalizzati protetti dalla lobby delle armi, non dice nulla davanti a certi dati. Ormai non puoi più andare nel bosco a farti una passeggiata la domenica che c’è il rischio che ti becchi una pallottola vagante. E vengono ammazzati milioni di animali per far divertire questi cretini assassini. Non una parola da parte dei politici su queste 114 vittime. Se avessero fatto un attentato a San Pietro e fossero morte 114 persone sarebbe successo l’inferno. Invece di queste vittime nessuno ne parla”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other