Eleonora Pedron: “Voglio molto bene a Max Biaggi. Quando ebbe l’incidente…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 maggio 2018 12:47 | Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2018 12:47
Eleonora Pedron: "Voglio molto bene a Max Biaggi. Quando ebbe l'incidente..."

Eleonora Pedron: “Voglio molto bene a Max Biaggi. Quando ebbe l’incidente…” (Foto Instagram)

MONTECARLO – Eleonora Pedron si racconta: “Voglio un profondissimo bene a Max Biaggi. Ma sono sempre stata io a crescere i nostri figli”. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,Ladyblitz – Apps on Google Play]   La ex Miss Italia 2002, che oggi vive a Montecarlo, ripercorre in una intervista a Sabrina Donadio per Oggi la sua vita familiare e non solo.

“Sto vivendo un bel momento, sono in pace con me stessa e il mondo. Mi godo i miei figli a tempo pieno, riuscendo a mantenere spazi per fare quello che mi piace”. Durante il giorno, comunque, non sta solo dietro ai figli: “Scrivo, disegno scarpe, gioielli e mi alleno”.

Scrive per il giornale del principato e si allena costantemente all’aperto, una sorta di “allenamento militare, piuttosto faticoso, più vicino alla disciplina che al fitness. (…) Poi corro a casa e mi metto a scrivere per il giornale del Principato e mi accorgo che la strada da cronista è lunga: devo imparare ancora un sacco di cose. Scrivo in francese, ma non sono bilingue ancora”.

Ma il lavoro che ama di più è quello di mamma:

“Passare il tempo assieme ai miei bambini mi fa stare bene, li seguo nei loro interessi. Però cerco di essere anche severa, non sempre viene loro naturale essere ordinati per esempio e mi impongo, a quel punto. Voglio che rispettino le regole e ogni tanto mi tocca alzare anche la voce”.

Del resto è sempre stata lei a doversi occupare non solo del lato accogliente, ma anche di sgridare, quando necessario, i figli:

Max è sempre stato molto impegnato, io sono stata bene o male, mio malgrado, il loro punto di riferimento più importante solo perché maggiormente presente. I bambini si sono abituati all’assenza del padre e forse questo li ha anche agevolati nella nostra separazione proprio perché non vivevano la classica famiglia tradizionale dove il papà è quello che alza la voce quando serve e la sera c’è sempre. Detto questo, i bimbi hanno un papà che fa il suo dovere nel miglior modo possibile. (…) Io voglio un bene profondissimo al papà dei miei figli e questa è la premessa che ci consente di costruire la quotidianità in questi termini. Quando Max ha avuto l’incidente nel giugno scorso, pur non stando più insieme ho vissuto uno dei momenti più duri della mia vita: avevo paura che i miei bambini potessero vivere quello che ho vissuto io con mio padre. La vita è imprevedibile ed è doveroso da parte nostra far godere ai nostri figli tutto l’amore che abbiamo per loro. I figli sono il sogno più bello che viviamo, bisogna dare loro attenzioni e prendersene cura, non è giusto dare per scontato nulla”.

E a chi dice che abbia un nuovo amore, lei risponde proprio da mamma: “Sono innamorata dei miei bimbi. Sono diventata troppo esigente, ho un mio equilibrio che mi fa stare bene: per adesso va bene così. E non mi sento affatto sola!”.