Gianfranco Vissani: “A febbraio ricomincerò l’attività a letto, ormai…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Gennaio 2020 12:43 | Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio 2020 12:43
Gianfranco Vissani: "A febbraio ricomincerò l'attività a letto, ormai..."

Gianfranco Vissani (foto ANSA)

ROMA – Gianfranco Vissani è intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta dal lunedì al venerdì dalla mezzanotte e trenta alle sei del mattino.

Vissani ha raccontato un po’ di cose: “Il mio 2020? E’ iniziato bene. Ora sono in vacanza, ma resto sempre nel mio locale, ci vuole il guardiano. Da bambino ero discolo. Mia madre aveva dodici ragazzini da dover guardare, tutti a casa mia. Io dovevo controllarli, ma ero il più discolo di tutti e lei per punizione mi legava sotto un tavolo di marmo. Ma anche da legato riuscivo a comandarli tutti. Io maschilista? Ma quando mai! Io alle donne non ho fatto nulla di male! Lavorano più donne da me che in tutti i ristoranti d’Italia. Lavorare in cucina non è una cosa facile”.

Sul comportamento dei bambini nei ristoranti: “Quarant’anni fa, quando venivano da me i bambini, mi tiravano giù le tende. Io litigavo con i genitori. Quando arrivano al ristorante li lasciano sciolti perché pensano che il ristorante sia un parco giochi. Oggi i bambini da me non vengono più. La gente ti rompe il lavandino in camera, ti spacca il rubinetto, i bicchieri. Noi non mettiamo in conto nulla, ma non siamo Babbo Natale. I bambini fanno parte della vita, dei giochi, poi diventeranno grandi. La colpa è dei genitori”.

Sulle recensioni online: “Ormai dobbiamo stare dietro a quattro blogger che non sanno fare nulla e scrivono le recensioni. Adesso la Michelin si è accoppiata con TripdAdvisor. TripAdvisor ha 350 milioni di utenti, è un problema grossissimo. Se ti vogliono far male, basta che si mettono d’accordo dieci persone e ti fanno male. Sono tutte faide, bisogna stare muti come pesci, nessuno deve dire niente. Bisogna accettare tutto”.

Sulle sardine: “Io tifo per Salvini, le sardine le mangio e sono buonissime. In Italia siamo comandati male e siamo dei pecoroni. Ci mettono solo tasse”. Infine, sulla sua astinenza se**uale, ha rivelato: “A febbraio finirà. A febbraio ricomincerò l’attività. Ormai sono rimaste solo cose scarse”.