Kim Kardashian potrebbe contrarre il Lupus, una malattia autoimmune

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Settembre 2019 9:02 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2019 9:02
Kim Kardashian potrebbe contrarre il Lupus, una malattia autoimmune

Kim Kardashian durante un evento (foto ANSA)

LOS ANGELES – Kim Kardashian è risultata positiva all’artrite reumatoide e al Lupus, una grave e rara malattia di natura autoimmune, che colpisce organi e tessuti del corpo. Il tutto è stato rivelato nella prima puntata della diciassettesima stagione di “Al passo con i Kardashian”, il reality sulla vita personale della celebre famiglia.

La puntata mostra la star, moglie del rapper Kanye West, in uno studio medico. “I tuoi anticorpi sono positivi al lupus e all’artrite reumatoide”, le comunica il dottore, precisando però, nel tentativo di rassicurarla, che “a volte questi test mostrano dei falsi positivi”. Ma la star 38enne scoppia a piangere. “I prossimi giorni saranno un inferno. Devo capire che cos’ho e come posso risolverlo”, commenta in seguito. “Pensare al dolore che avverto alle mani e a quanto sta accadendo può essere spaventoso. Ero ansiosa di capire che cosa non andava”.

Ospite di Today Tuesday, Kim Kardashian ha poi spiegato che, dopo la visita di controllo andata in onda nel reality, ha fatto ulteriori visite scoprendo di più sulla malattia. “L’ho scoperto, ne parleremo domenica prossima (nello show, ndr.). Ho trovato un dottore straordinario e abbiamo scoperto qual è il problema. Purtroppo ho dovuto assumere dei farmaci per fermare i sintomi, ho provato di tutto per molto tempo e abbiamo scelto la strada giusta per me. Fortunatamente adesso è tutto sotto controllo”.

Cos’è il Lupus eritematoso sistemico

Il lupus eritematoso sistemico (o semplicemente lupus) è una malattia cronica di natura autoimmune, che può colpire diversi organi e tessuti del corpo. Come accade nelle altre malattie autoimmuni, il sistema immunitario produce autoanticorpi che, invece di proteggere il corpo da virus, batteri e agenti estranei, aggrediscono cellule e componenti del corpo stesso, causando infiammazione e danno tissutale. Il meccanismo patogenetico è un’ipersensibilità di III tipo, caratterizzata dalla formazione di immunocomplessi.

Il Lupus colpisce spesso il cuore, la pelle, i polmoni, l’endotelio vascolare, fegato, reni e il sistema nervoso. Per il fatto di colpire le articolazioni, il Lupus è classificato anche tra le malattie reumatiche. La prognosi della malattia non è prevedibile, con periodi sintomatici alternati a periodi di remissione. La malattia colpisce soprattutto le donne, con un’incidenza nove volte superiore rispetto agli uomini, specialmente soggetti in età fertile (tra i 15 e i 35 anni) e di discendenza non europea.

Una cura definitiva non esiste. La malattia può risultare fatale, sebbene la mortalità si sia ridotta drasticamente grazie alle scoperte della ricerca medica. Negli Stati Uniti, in Canada e in Europa i tassi di sopravvivenza a 5, 10 e 20 anni sono saliti rispettivamente al 95%, 90% e 78%. 

Fonti: TGCOM, WIKIPEDIA.