Laura Chiatti e la malattia di Marco Bocci: “Per lui ho rinunciato a un film”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Gennaio 2019 16:05 | Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2019 16:19
laura chiatti marco bocci

Laura Chiatti e la malattia di Marco Bocci: “Per lui ho rinunciato a un film”

ROMA – L’anno appena finito non è stato un anno facile per Marco Bocci e Laura Chiatti. Lo scorso maggio l’attore è stato colpito da un herpes che si è esteso al cervello ed è stato ricoverato d’urgenza. La moglie è stata accanto a Bocci giorno e notte, rinunciando pure ad un importante progetto lavorativo. 

“Gli ho detto ‘Ti prometto che tutte le notti sarò qui’. Dovevo girare un film, e nonostante Marco mi dicesse di non rinunciare, ho deciso di annullarlo. Non me la sentivo, volevo stare con mio marito”, ha raccontato Laura in un’intervista rilasciata al settimanale Grazia. “Quel giorno, tornando a casa, su Explora mi è comparsa una frase di Ayrton Senna: ‘Non esiste curva che non si possa superare’. Una specie di frase mistica per me. Gliel’ho scritta sull’armadietto dell’ospedale”, ha aggiunto la Chiatti. Che ha affrontato la situazione con coraggio e grande determinazione: “È successa una cosa strana: come se qualcuno mi avesse preso il corpo e mi avesse detto: ‘Siediti, ci penso io”.

Dopo il grande spavento, tutto è tornato alla normalità per Marco Bocci. “Fortunatamente la causa è stata individuata immediatamente ed è andato tutto bene”, ha dichiarato il protagonista di Squadra Antimafia a Verissimo. Il 2018 non è stato però un anno facile: dopo il dramma di Marco, Laura Chiatti ha dovuto affrontare i problemi di salute di sua madre. “Stavo girando un film, l’ho fermato per una settimana. Quando l’ho ripreso, perché dovevo comunque finirlo, non ho comunque abbandonato mia madre. Dormivo in ospedale. Alle tre mi venivano a prendere per arrivare sul set alle sei. Finito di girare tornavo da mamma”, ha confidato l’attrice.

“A conclusione di quest’anno complicato mi è venuta un’ansia che prima non avevo, mentre in passato ho eseguito sei volte la manovra sui miei figli che stavano per soffocare. È bello non aver paura della morte. Voglio scrollarmi di dosso questa paura al più presto”, ha detto Laura Chiatti, mamma di Enea e Pablo, che hanno rispettivamente 4 e 2 anni. Per amore dei bambini, la 36enne è tornata a vivere in Umbria, in un piccolo paese di provincia.