Ligabue: “Quello del bacio gay non sono io. Non fumo, occhio alle fake news”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Ottobre 2020 8:31 | Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre 2020 8:39
Ligabue: "Quello del bacio gay non sono io. Non fumo, occhio alle fake news"

Ligabue: “Quello del bacio gay non sono io. Non fumo, occhio alle fake news” (Foto Ansa)

Non è Ligabue il famoso cantante del bacio gay immortalato da Dagospia. Ligabue era stato tirato in ballo per via dei bracciali e dei capelli brizzolati.

“Massimo se comincio a fumare ti avviso prima”, dice Ligabue a proposito della foto del bacio gay. Ligabue e Massimo Cotto si sono lanciati in una gag sul palco del Teatro Asioli di Correggio, durante la presentazione del libro “E’ andata così”, ironizzando sulla foto pubblicata da Dagospia di un bacio gay di un misterioso cantante (il volto non era visibile) che in molti avevano associato per abbigliamento, atteggiamento e capigliatura al rocker emiliano.

“Massimo se comincio a fumare ti avviso prima”, ha detto Luciano Ligabue riferendosi al fatto che il misterioso uomo ritratto nella foto alla Stazione Centrale di Milano tenesse in mano una sigaretta. A quel punto Cotto gli ha chiesto: “Quindi non sei tu quello nella foto?”. E Ligabue ha risposto: “No, non sono io”. Ligabue si è poi raccomandato col pubblico di stare “attenti alle fake news che minano la credibilità e l’immagine delle persone”.

Il libro scritto da Luciano Ligabue

“È andata così – Trent’anni come si deve” è il libro in cui Ligabue ripercorre la sua carriera trentennale, tra dischi, concerti, successi, aneddoti e retroscena. Scritto in collaborazione con Massimo Cotto, che lo ha intervistato nella presentazione di questa sera al Teatro Asioli di Correggio di fronte a un numero limitato di persone, il volume è accompagnato da un ricca galleria fotografica e da un’appendice che contiene tutta la discografia del cantautore corredata dalle copertine dei singoli, degli album, dei cofanetti, persino delle vhs. (Fonte AdnKronos).