Maria Elena Boschi, parla la sessuologa: “Un terzo dei lettori si masturberà guardando le sue foto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 ottobre 2018 9:39 | Ultimo aggiornamento: 5 ottobre 2018 9:39
Maria Elena Boschi, parla la sessuologa: "Almeno un terzo dei lettori si masturberà guardando le sue foto" (foto Ansa)

Maria Elena Boschi, parla la sessuologa: “Almeno un terzo dei lettori si masturberà guardando le sue foto” (foto Ansa)

ROMA – Intervistata da Radio Cusano, la sessuologa Rosamaria Spina ha parlato del servizio fotografico di Maria Elena Boshi per la rivista “Maxim”:

“Il fatto che la Boschi dica (riguardo le sue foto): ‘Spero non resterete delusi’ è già uno strizzare l’occhio al pubblico maschile della rivista per la quale ha posato. La donna seducente non è solo quella che si spoglia e mostra tutto ma è anche quella che sa giocare con il proprio corpo e la sua femminilità con semplicità, non a caso molte foto della Boschi sono in T-shirt e Jeans quindi comunque molto acqua e sapone, si fa riferimento alla seduzione della semplicità”.

“Gli uomini – dice la sessuologa – troveranno anche in quelle foto la malizia perché scatta l’erotismo della fantasia, nella foto è vestita ma l’uomo nella sua elaborazione riesce ad andare oltre. E’ proprio in questi casi che l’uomo fantastica ancora di più sulla donna, penseranno: ‘Ah se avessi la possibilità chissà cosa farei'”.

“Queste foto – continua – Rosamaria Spina – potranno portare alla masturbazione come forma di gratificazione ed appagamento, un autoerotismo legato a delle fantasie sul bondage e il masochismo sessuale che si può creare nel pensare ad una donna di potere che poi magari anche fra le lenzuola rivendica il suo potere rispetto all’uomo”.

Presumibilmente – conclude la sessuologa – ci sarà un elevato numero di persone che si procureranno piacere attraverso quelle foto. La tiratura e la vendita della rivista aumenterà alla luce della presenza del servizio fotografico della Boschi. Più o meno un terzo dei lettori potrebbe procurarsi piacere grazie a quelle foto”.