Mary Rider, dal giornalismo a… Rocco Siffredi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 dicembre 2016 11:04 | Ultimo aggiornamento: 3 dicembre 2016 13:16
Mary Rider (foto Facebook)

Mary Rider (foto Facebook)

ROMA – Dal giornalismo al p0rno. Questa è la storia di Mary Rider, giornalista divenuta attrice di film per adulti: “Mary è il mio vero nome. Rider perché sono una motociclista. Cavalco una Suzuki Marauder ed il sogno è di attraversare la Route 66 sulla mia futura Harley Davidson”.

“Mi sono laureata – racconta Mary – ho vinto borse di studio ed ho fatto un master. Sono diventata una “professionista” nell’ambito che avevo scelto. Poi mi hanno detto che, per fare strada in qualsiasi settore, dovevo farmi conoscere. Tra le righe, dovevo dare tutta me stessa per il lavoro. Solo che io sono sempre stata un po’ sopra le righe e li ho presi alla lettera senza ipocrisia e senza nascondermi”.

A cambiare la vita di Mary è stato un incontro con, neanche a dirlo, Rocco Siffredi: “Era il 2014. Mi sono ritrovata alla fiera del Portogallo sotto lo sguardo di centinaia di persone. E qualche mese dopo Rocco Siffredi mi ha detto che, oltre a Rider di moto, dovevo esserlo anche di c***i. L’ho preso alla lettera, ed eccomi qui”.

“La figura di attore porno – racconta ancora Mary – richiede preparazione, professionalità, sacrifici e competenze oltre che una naturale predisposizione all’esibizionismo ed alle acrobazie erotiche. Si tratta di un lavoro difficile come per chiunque voglia lavorare in Italia in qualsiasi ambito, con l’aggravante che nel nostro paese la figura di attore porno non ha un riconoscimento professionale”.

FOTO DA FACEBOOK.