Massimo Giletti: “Successo perché non ho padroni. In Rai…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Ottobre 2015 13:57 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2015 14:09
Massimo Giletti: "Successo perché non ho padroni. In Rai..."

Massimo Giletti con Silvio Berlusconi a L’Arena (foto Ansa)

ROMA – Massimo Giletti si racconta: ripercorre la sua carriera, racconta aneddoti e spiega come è diventato uno dei presentatori di punta della Rai. Senza dimenticare il suo passato da giornalista e gli esordi con Giovanni Minoli. In una lunga intervista con Cristina Archilletti per Radiocorriere.eu lo showman ha spiegato il proprio successo essenzialmente per la propria indipendenza: “Non ho padroni”.

Ecco alcuni stralci dell’intervista:

Da cosa discende la credibilità che hai conquistato in questi anni?

Dalla libertà, dal non avere e non volere padroni. Non sono stato messo dove mi trovo da nessun politico e questo mi rende forte ed in grado di affrontare lucidamente il mio lavoro.

Il successo, con grande impegno e sacrificio, è arrivato. Bisogna sempre combattere anche quando sembra tutto perfetto?

Chi fa questo lavoro deve combattere soprattutto per mantenere la libertà di azione di cui ti parlavo. Da sempre svolgo la mia professione puntando sulla serietà e sul rispetto del pubblico nei confronti del quale abbiamo una grande responsabilità. Per questo motivo non ho mai accettato compromessi e mai lo farò.

Perché non ha mai lasciato la Rai?

Perché è l’azienda in cui ho iniziato e sono cresciuto. Ho avuto la fortuna di lavorare sempre con ottimi gruppi di collaboratori. Perché cambiare?

Sei una persona che nel lavoro ha sempre osato. E’ stato così anche nella vita?

Avrei potuto continuare la tradizione di famiglia, lavorando nell’azienda di mio padre che esiste dal 1881, ma ho preso una strada completamente diversa. Oggi mi sembra una follia, eppure all’epoca l’ho fatto nonostante la giovane età. Ciò significa che il coraggio non mi è mai mancato.