Michelle Hunziker: “Aurora ha rischiato di perdersi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 maggio 2018 11:04 | Ultimo aggiornamento: 23 maggio 2018 11:06
Michelle Hunziker, Aurora Ramazzotti e la profonda crisi

Michelle Hunziker: “Aurora ha rischiato di perdersi”

ROMA – Michelle Hunziker e la figlia Aurora Ramazzotti sono impegnate nell’avventura televisiva di Vuoi scommettere? su Canale 5, ma c’è un periodo molto difficile che hanno raccontato al settimanale F. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Michelle ha infatti parlato dei problemi avuti con la figlia quando aveva 18 anni e voleva la sua indipendenza e i no che ha dovuto dire per educarla e farle capire cosa significa crescere.

Madre e figlia sono state intervistate e hanno raccontato il delicato rapporto che le lega, soprattutto un periodo molto particolare e difficile della vita di Aurora, avuta dal cantante Eros Ramazzotti 21 anni fa. Quando Aurora ha compiuto 18 anni guadagnava e pensava solo al divertimento, tanto che tra le due sono nati spesso litigi, come lei stessa racconta:

“C’è stato un periodo in cui litigavamo spessissimo. Un momento di rottura che però è stato importante per creare un nuovo legame. È stato poco prima che andassi a vivere da sola, verso i miei 18 anni. Facevo caz*ate su caz*ate. Era un periodo complicato: io volevo solo andare in giro a fare casino, ubriacarmi, limonare, ma lo facevo troppo e spingevo troppo, anche oltre quello che sapevo lei avrebbe sopportato”.

Parole che Michelle ha confermato, spiegando anche la decisione di mandare a viverla da sola:

“Ha rischiato davvero di perdersi. L’ho lasciata andare. Era l’unico modo perché capisse com’è la vita: aveva iniziato a guadagnare bene e se ti succede quando sei così giovane è un attimo rovinarsi. Le spiegavo le ragioni dei miei no. Un genitore ha il compito di non farti sbattere contro il muro. Con Aurora ci siamo andati molto vicino, anche fisicamente. E’ proprio nel momento in cui il figlio vuole allontanarsi che il genitore deve essere attentissimo: è un momento critico e rischia di perderlo”.